9.2 C
Vicenza
4 Marzo 2024
SPORTvicentino
Hockey Hockey in line Primo Piano Slider

Il poker dei Diavoli all’Asiago Vipers vale ancora la finale scudetto contro Milano

HOCKEY IN LINE SEMIFINALI PLAYOFF – Mc Control Diavoli Vicenza vince gara 4 delle semifinali ad Asiago contro i Vipers, con il risultato di 4-1 e stacca il biglietto per la finale dove già da mercoledì sera c’è Milano ad attendere per iniziare un’altra delle tante sfide.

I vicentini sono riusciti a mantenere nervi saldi e portare a casa una vittoria importante, conquistata meritatamente, al termine di una gara non impeccabile, si sono visti più errori rispetto alla gara casalinga di mercoledì, ma gestita con testa e con la determinazione e la concentrazione giuste, riuscendo anche a non cadere nel tranello dei falli e delle possibili reazioni quando, soprattutto negli ultimi minuti, gli avversari, anzi alcuni avversari, hanno badato più a caricare che a giocare.
Al termine della serie i Diavoli hanno mantenuto i pronostici e hanno saputo imporsi conquistando la finale, risultato per nulla scontato, e conquistato forse con maggior fatica rispetto a quanto ci si aspettava, grazie ad un Asiago molto combattivo, a suo agio sulla pista di casa e in grado, soprattutto nelle prime due gare, di mettere in difficoltà i biancorossi.
Questa sera i vicentini sono stati più accorti, bravi in difesa, un’altra ottima prestazione per il golie biancorosso, Michele Frigo, e concreti in attacco, anche se avrebbero potuto ottenere un bottino più pesante per numero di occasioni. Hanno però rischiato anche qualcosa e il portiere vicentino ha saputo sempre rispondere egregiamente, supportando i suoi durante i power play degli avversari, a segno solo una volta in superiorità numerica con Rodeghiero che ha raggiunto il momentaneo pareggio dopo la rete di Delfino. Per i biancorossi, doppietta di Delfino, primo gol appunto, e terzo, in power play, appena rientrati dall’intervallo, Sigmund per il 2-0 dei biancorossi, e Dal Sasso che a quasi 8 minuti dal termine ha messo una bella ipoteca sulla vittoria. Sul 4-1, la partita si è fatta troppo tesa e ci sono stati una serie di falli, alcuni fischiati e altri no, che hanno un po’ rovinato una serie di semifinale molto bella, emozionante, combattuta e che ha fatto divertire i tifosi.

Al fischio della sirena grande festa fra i biancorossi che si trovano nuovamente in finale, con i rivali di sempre del Milano, a difendere un titolo che lo scorso anno hanno conquistato con una gran rimonta e un grandissimo carattere. Il gruppo c’è, la qualità anche, come pure il cuore e carattere, quindi dal prossimo sabato si comincia una nuova avventura ricca di emozioni.
“La partita è stata dura, ma è andata come volevamo, ovvero chiuderla subito una volta passati in vantaggio nella serie – ha spiegato Nicola Frigo, al termine della gara. – Partita dura, come tutta la serie, ma a mio parere ci ha fatto anche crescere mentalmente in vista della finale”.
– Ti aspettavi un Asiago così combattivo e così aggressivo?
“Si me lo aspettavo perché hanno dimostrato anche lo scorso anno, dopo un campionato un po’ sottotono, mentre quest’anno sono andati meglio, che nei play off vengono fuori”.
– Qual è stata l’arma vincente di questa serie per i Diavoli?
“La mentalità, il gruppo e soprattutto la qualità dei singoli”.
– Adesso un’altra finale con Milano che ha vinto 3-0 la serie con Ferrara.
“Gli avversari li conosciamo benissimo, hanno vinto 3-0 la serie, ma è un risultato un po’ bugiardo perché se Ferrara vinceva una partita non avrebbe rubato niente perché anche loro hanno dato molto in questa semifinale”.
– Su cosa devono puntare i Diavoli per affrontare al meglio la finale?
“Dobbiamo cercare di commettere meno falli possibili, perché loro in power play ti sanno punire, poi aver la mentalità e la grinta giusta per tutta la serie, perché non è una partita secca come le ultime due finali di coppa perse, quindi se abbiamo la mentalità e la voglia di vincere ce la giochiamo”.
– A che cosa dovrete stare più attenti del Milano?
“Loro hanno un portiere che ha dimostrato che quando è in serata para, poi sono tutti ottimi giocatori”.
– Che messaggio daresti alla squadra?
“Il messaggio è già stato dato in questa semifinale e adesso dopo gara 1 remiamo tutti dritti verso lo stesso obiettivo che abbiamo in testa. Siamo tutti concentrati e abbiamo voglia di vincere. Il gruppo è giovane, ci sono giocatori che sono al primo anno qui e che sono alla prima finale, quindi sicuramente avranno fame come noi”.

Asiago Vipers – Mc Control Diavoli Vicenza 1-4 (1-2)
Asiago Vipers:
Facchinetti, Stella G., Rossi, Berthod, Panozzo, Munari, Stella S., Schivo, Pertile, Rossetto M., Lievore, Spiller, Chelodi, Rodeghiero, Rossetto A., Basso. All. Rigoni L.

Mc Control Diavoli Vicenza: Frigo Michele, Olando, Cantele, Francon, Delfino, Dell’Uomo, Sigmund, Centofante, Baldan, Frigo N., Trevisan, Dal Sasso, Pace. All. Maran F.

Arbitri: Grandini e Lottaroli
RETI. PT: 06.13 Delfino (V), 12.47 Rodeghiero (A) pp, 15.59 Sigmund (V);
ST: 21.11 Delfino (V) pp, 31.52 Dal Sasso (V)

Ti potrebbe interessare:

Il Veneto cadetti concede il bis vincente “Ai confini delle Marche”

Redazione

La Rangers Rugby Vicenza regge per un tempo, poi lascia via libera al Colorno

Redazione

Per la Civitus Allianz Vicenza partenza ad handicap e non riesce il recupero con la Rucker

Redazione

Lascia un commento