22.2 C
Vicenza
21 Giugno 2021
SPORTvicentino
Orienteering Primo Piano Slider

Il PWT Italia si conferma per il quarto anno campione italiano di orienteering (staffetta)

Gli organizzatori dell’Orienteering Tarzo con il presidente Anesi e l’assessore Cristiano Corazzari.

 

ORIENTEERING – Il Team Park World Tour Italia (Tommaso Scalet, Lukas Patscheider, Riccardo Scalet) e l’US Primiero (Anna Pradel, Nicole Scalet e Francesca Taufer) si sono laureati invece nuovi campioni italiani a squadre in Staffetta.

In una giornata di sole splendente, nei difficili boschi a cavallo tra Veneto e Friuli, oltre 700 atleti suddivisi in squadre da 3 si sono sfidati all’insegna del rispetto delle norme anti-Covid.

In campo maschile il successo assoluto é andato ad Austria 1 (Novak Lukas, 38.54, Wolfram Jakob, 42.35, Bonek Erik, 42.09) che però gareggiava fuori classifica.

Per la società vicentina del PWT, che quest’anno vedeva l’inserimento di Lukas Parscheider al posto di Sebastian Inderst, si tratta del quarto titolo consecutivo. Il podio tricolore è completato da Pol Masi (Samuele Curzio, Alessio Tenani, Enrico Mannocci) e US Primiero (Mattia Debertolis, Manuel Negrello.  Giacomo Zagonel).

Tra le donne sono state lacrime vere quelle della Pol Besanese, squalificata per un cambio effettuato prima della punzonatura nel cambio di Anna Caglio. Una decisione presa dal giudice d’arrivo che ha tolto la grande gioia alle lombarde che avevano registrato una rimonta monstre da parte di Irene Pozzebon.

Seconde italiane sono così le ragazze dello Sporting Club Merano (Vera Chiusole, Christine Kirchlechner ed Heike Torggler) davanti a PWT Italia (Giulia Dissette, Noemi Inderst e Carlotta Scalet).  Il miglior tempo femminile è stato quello fatto registrare del Team Austria.

Tra i giovani della M20 vince la Pol Besanese, in W20 il GS Pavione. In M17 vince Primiero e al femminile GS Pavione.

Ma ecco le parole a caldo dei vincitori a cominciare dai portacolori del PWT Italia.

“Non attraverso il mio miglior momento e per questo ho dovuto dare tutto me stesso per la squadra” ha commentato Tommaso Scalet.

Gli ha fatto eco Lukas Patscheider: “L’emozione stava per giocarmi un brutto scherzo e sono partito teso, commettendo errori importanti”. E’ toccato poi a Riccardo Scalet terminare la prova: ” Dedichiamo la nostra vittoria al team manager Gabriele Viale”.

In campo femminile il successo è andato all’US Primiero.

“Per me 2 vittorie in 2 giorni – ha dichiarato Anna Pradel – e quindi un ottimo bilancio”.

Per Nicole Scalet un dato statistico interessante. “E’ arrivato il secondo titolo tricolore a 15 anni di distanza dal primo. E’ bello essere ancora qui a lottare”.

Infine Francesca Taufer. “Sin dall’inverno abbiamo pensato a questa prova. Il segreto è stato l’affiatamento reciproco”.

Alla premiazioni sono intervenuti il Presidente FISO Sergio Anesi e l’assessore allo sport della regione Veneto Cristiano Corazzari.

Anesi: “Complimenti agli organizzatori che hanno saputo affrontare difficoltà ed imprevisti continui. Dal punto di vista tecnico il lavoro è stato perfetto, ma su questo non c’erano dubbi. Il team presieduto da Edoardo Tona vanta infatti un’esperienza importante”.

Corazzari: “Il Veneto ha risposto bene. Lo sport è vita e questo ritorno all’attività è un grande segnale. Da sempre crediamo nella valenza sociale dell’attività di base e in Cansiglio è andato in scena un grande spettacolo”.

Edoardo Tona: “Un grazie va a tutti i volontari dell’Orienteering Tarzo il cui supporto è stato fondamentale per organizzare al meglio un evento di tale portata”.

Da segnalare che la gara è stata tracciata da Federico Venezian.

Ti potrebbe interessare:

Csi Atletica Provincia di Vicenza sfiora la doppietta ai Campionati veneti cadetti

Redazione

Anthea Vicenza Volley batte Pallavolo Aragona nella finale di andata per salire in A2

Redazione

L’Arzignano Valchiampo in festa: battuta la Clodiense nella finale playoff

Redazione

Lascia un commento