16.3 C
Vicenza
11 Maggio 2021
SPORTvicentino
Hockey Hockey Ghiaccio Primo Piano Slider

La Migross Asiago Hockey passa anche a Cortina e giovedì all’Odegar può chiudere i conti

I giocatori giallorossi festeggiano il secondo successo: potrebbe essere già decisiva gara 3 all’Odegar (ph. Vito de Romeo)

 

ALPS HOCKEY LEAGUE PLAYOFF – Bellissima serata come solo i playoff sanno regalare sul piano delle emozioni e del pathos. In Gara 2, Migross Asiago, Jesenice e Lubiana ripetono i successi del primo round e, nel caso dei giallorossi e Red Steelers, è proprio in tutti i sensi visto che ci sono gli stessi identici risultati di sabato. I giallorossi violano l’Olimpico per 2-1 e succede tutto nel terzo tempo ed in rapida successione. Davide Faloppa porta avanti i padroni di casa, ma immediata e micidiale risposta dell’Asiago che ribalta in poco più di un minuto il parziale che poi difende fino alla sirena finale.

Passando alla cronaca, il Cortina ritrova Luca Zanatta, la cui ultima partita risaliva al 6 marzo scorso, mentre per l’Asiago è sempre assente Simone Olivero. A roster Filippo Rigoni.

Prima fase di gioco senza grandi occasioni, con gli ampezzani che provano a costruire contro un Asiago guardingo e concentrato a non subire più di tanto le iniziative avversarie. Gli stellati passano indenni una fase di inferiorità numerica. I ritmi di gioco fanno scivolare via il primo periodo nonostante il Cortina termini la frazione cercando di non subire il ritorno di un Asiago che cerca spazio soprattutto grazie alle iniziative di Gellert, che però non trova sbocchi quando si tratta di concludere verso la gabbia di De Filippo.

Secondo tempo molto piacevole, con le due squadre che giocano a viso aperto senza risparmiarsi, mantenendo i ritmi di gioco su livelli apprezzabili, così le occasioni cominciano a fioccare da una parte e dall’altra anche se mancano di precisione. Cazzola da una parte e Rosa dall’altra costruiscono le chance più importanti nei primi minuti, con gli arbitri che lasciano correre anche su colpi al limite della regolarità. I minuti scorrono con Cortina che sembra più propositivo anche se, quando l’Asiago porta pressione, si fa pericoloso con McParland davanti allo slot di De Filippo che però sventa la minaccia. I padroni di casa sprecano un paio di occasioni favorevoli senza approfittare di qualche pausa della difesa avversaria, così si va al riposo ancora sullo 0-0.

Inizio del terzo periodo con l’Asiago che sembra innalzare la propria intensità di gioco, mettendoci anche il fisico e facendosi pericoloso con McParland che tuttavia non trova la deviazione vincente da posizione favorevole. Nel momento migliore dell’Asiago arriva la rete cortinese grazie all’uno contro zero di Faloppa (46’), bravissimo a freddare Vallini cono una conclusione secca. Ma l’entusiasmo ampezzano dura poco. McParland risolve la questione raccogliendo un rimbalzo nel traffico il pareggio e poi ci pensa Dal Sasso a ribaltare la situazione saltando il proprio marcatore e piazzando il disco dove De Filippo non può intervenire. In 68 secondi i vicentini hanno fatto loro il match. Il Cortina cerca di reagire rimescolando le linee offensive per qualche cambio, approfittando anche di un piccolo calo della pressione asiaghese e nei minuti finali tenta il tutto per tutto senza però trovare la via giusta per il pareggio. Asiago alla fine vincitore e primo match point giallorosso nella serie giovedì sera all’Odegar.

Qui sotto la fotogallery di Vito de Romeo

Ti potrebbe interessare:

Nicola Galvan (Asiago 7 Comuni S.O.K.) si conferma campione italiano Pre-O

Redazione

Il PWT Italia si conferma per il quarto anno campione italiano di orienteering (staffetta)

Redazione

Riccardo Scalet (PWT Italia) si regala il titolo tricolore di orienteering per i suoi 25 anni

Redazione

Lascia un commento