20 C
Vicenza
28 Luglio 2021
SPORTvicentino
McControl Diavoli Vicenza a Verona
Hockey Hockey in line Primo Piano

McControl Diavoli si porta a casa il primo match del Master Round contro Verona

HOCKEY IN LINE – Mc Control Diavoli Vicenza fa tesoro dell’ultima gara giocata a Verona e scende in pista con l’approccio e la determinazione giuste, degne dell’esordio nella fase di Master Round. Partita giocata a viso aperto e con buon ritmo da entrambe le squadre, con un Vicenza ordinato e determinato e un Verona che ha cercato di reagire e ha lottato fino in fondo. A fare la differenza la forza del gruppo biancorosso e la qualità dei singoli che spesso giocano a memoria e hanno una grande intesa.

 

PRIMO TEMPO

Nel primo tempo, dopo appena 14 secondi, un’azione fulminea di Sigmund e Delfino porta i Diavoli in vantaggio, grazie alla realizzazione del numero 9 biancorosso. I padroni di casa potrebbero accusare il colpo, invece recuperano e pareggiano con un tiro beffardo di Sabaini che dopo nemmeno un minuto porta i suoi sull’1-1. I Diavoli riprendono subito il loro gioco e ci provano con capitan Roffo, ribatte Bortoli di gambale, e Sigmund a cui risponde il palo. Ancora lo statunitense e Delfino pericolosi e secondo gol proprio del bomber che porta in vantaggio i biancorossi al 4.51. I Diavoli spingono e su conclusione di Frigo ancora Bortoli protagonista con i padroni di casa un po’ in affanno. Nuova occasione per Sigmund di poco a lato, ma poi ancora Vicenza e ancora Bortoli. I gialloblu perdono il disco e i Diavoli ne approfittano e vanno in rete con un bel tiro di Frigo: 3-1 dei berici. I veronesi provano una reazione, vanno alla conclusione con Pernigo, ma è ben attento Frigo. Vicenza non sfrutta un power play, a causa anche delle parate di Bortoli, e Andrea Raccanelli davanti alla porta sbaglia la mira. Negli ultimi secondi penalità fischiata a Perini.

 

SECONDO TEMPO

Nella seconda frazione di gioco, continuano i vicentini a mantenere le redini della gara e sfruttano gli ultimi secondi di power play con una nuova rete di Delfino che realizza una tripletta. I padroni di casa provano a reagire e si rendono più pericolosi con Sabaini e, alla penalità fischiata a Baldan, con Marco Raccanelli a cui dice no Frigo. Pressing dei veronesi e mischia davanti alla porta di Frigo con animi che si scaldano e portano in panca puniti Frigo Nicola e Wennerstrom per i vicentini e Andrea Raccanelli per i veronesi. I gialloblu cercano di sfruttare la superiorità, ma bene il golie biancorosso su conclusione di Gruber. Vicenza prova un contropiede e gestisce il disco fino alla parità delle squadre, poi approfitta di una disattenzione dei padroni di casa e dopo due grandi parate di Bortoli trova una spazio con Wennerstrom che sigla la cinquina. Ancora lavoro per Bortoli e bella parata di Frigo su Raccanelli. I Diavoli macinano gioco e occasioni e gestiscono bene la gara, anche se i veronesi provano a trovare varchi e ad andare al tiro, ma senza fortuna. Negli ultimi minuti sesto gol per i biancorossi con capitan Roffo e tiro di Danieli ribattuto da Frigo, a conferma del carattere dei padroni di casa che non mollano fino al fischio finale che sancisce una bella vittoria per la formazione di coach Roffo, visibilmente soddisfatto della prova dei suoi.

“Mi aspettavo una partita molto difficile, vedendo anche le ultime prove del Verona, l’ultima in particolare con la vittoria per 3-0 a Padova su una pista per niente facile e dove ha giocato bene – ha dichiarato l’allenatore dei Diavoli a fine gara. – Noi però siamo entrati in pista con un atteggiamento ben diverso rispetto alla gara giocata a Verona il mese scorso in regular season. Abbiamo disputato una buona partita, il nostro portiere ha parato bene, anche il loro ha parato benissimo, e per segnare abbiamo dovuto fare di tutto, quindi sono molto soddisfatto e contento. Sabato scorso non abbiamo giocato e temevo ci potesse essere un calo, non mi piace quando si perde il ritmo, però ho trovato la squadra perfettamente pronta e completamente a posto. Stiamo provando qualcosa di nuovo, anche se non siamo ancora del tutto al completo, ma già così sono soddisfatto”.


– Pronostico confermato, ma padroni di casa sempre combattivi.
“Faccio i miei complimenti al Verona per tutto il loro campionato perché per me sono stati la vera sorpresa di questa stagione. Mi pare che sia giusta la scelta di avere una squadra giovane nella quale inserire qualche atleta di esperienza perché così si acquista maggior equilibrio e comunque vada sono già nei play off e hanno già raggiunto un bel risultato. Quindi complimenti veramente. Anche il Padova sta facendo un ottimo campionato, ma me lo aspettavo di più anche perché ha giocatori giovani, veloci ed aggressivi con cui è facile prendere tante penalità. Dal Verona, invece, non mi aspettavo un campionato così, ma merito a loro. C’è anche da dire che squadre come Torino e Asiago, secondo me, non hanno ancora espresso tutte le loro potenzialità e noi probabilmente troveremo una delle due alla prima sfida dei play off e sappiamo, soprattutto sul loro campo, quanto sia difficile, ma di sicuro Verona ha fatto e sta facendo molto bene e anche stasera abbiamo dovuto giocare al meglio per non permettergli di essere ancor più pericoloso”.

 

TABELLINO

Cus Verona – Mc Control Diavoli Vicenza (1-3) 1-6
Cus Verona
: Bortoli, Ros, Danieli, Pernigo, Perini, Raccanelli M., Bisotto, Raccanelli A., Novarese, Lupi, Oberfriniger, Bernardoni, Gruber, Bellomi, Faccio, Sabaini.
All. A. Corso

Mc Control Diavoli Vicenza: Alberti, Frigo, Wennerstrom, Delfino, Tabanelli, Dell’Uomo, Sigmund, Centofante, Ustignani, Trevisan, Roffo, Baldan, Frigo N., Testa.
All. A. Roffo

Arbitri: Slaviero e Rigoni M.

RETI
PT
: 0.14 Delfino (VI), 1.03 Sabaini (VR), 4.51 Delfino (VI), 8.45 Frigo N: (VI);
ST: 21.10 Delfino (VI) pp, 32.27 Wennerstrom (VI), Roffo (VI).

Ti potrebbe interessare:

Angella e Merla spengono le prima 10 candeline di casa Trans d’Havet

Redazione

Arriva all’AS Vicenza la Storti

Redazione

Scuderia Palladio Historic vince al Vallate Aretine con Salvini e Tagliaferri

Redazione

Lascia un commento