6.7 C
Vicenza
26 Febbraio 2024
SPORTvicentino
Calcio L.R. Vicenza Virtus Primo Piano Slider

Pescara – LR Vicenza 2-3: Meggiorini, Jallow, Dalmonte, un tridente “corsaro” all’Adriatico

L’abbraccio tra Lamine Jallow e Mimmo Di Carlo dopo il raddoppio del LR Vicenza

 

Pescara – LR Vicenza      2-3

Marcatori: 2’ Memushaj (P), 7’ Meggiorini (V), 25′ Jallow (V), 69′ Dalmonte (V), 70′ Galano (P)

 

Il LR Vicenza scende in campo allo stadio Adriatico nel segno di Paolo Rossi: fascia al braccio con la scritta “Ciao Paolo, per sempre con noi” e poi la maglia biancorossa n. 9 indossata da tutti i giocatori prima di cambiarla con quella nera da trasferta con numeri e nomi giusti.

Messa da parte la commozione, si inizia a giocare. Due minuti e Pescara subito in vantaggio grazie al gol di Memushaj, che riesce a girarsi in area in mezzo ai difensori berici dopo il cross di Crecco e la spizzata al centro di Ceter. 1-0

Avvio shock per la squadra di Di Carlo, che però è brava a trovare subito il pareggio al 7’: azione ubriacante di Jallow sulla destra e perfetto pallone messo al centro per Riccardo Meggiorini, che deve solo appoggiare in rete per il suo quinto gol in campionato. 1-1

La partita prosegue con continui capovolgimenti di fronte, giocata a viso aperto. Al 20′ altra occasione per i padroni di casa: ancora Ceter rimette in mezzo per Galano, ex di turno, che calcia con potenza, ma sul fondo.

E’ invece il Vicenza, cinque minuti più tardi, a passare in vantaggio con Jallow, bravo a controllare e a battere a giro sul secondo palo per il raddoppio. Grande la gioia dell’attaccante, che festeggia il suo primo centro stagionale e corre ad abbracciare Di Carlo in panchina, inginocchiandosi e poi baciando l’erba dello stadio pescarese.

Al  34′ brivido per Perina: palla persa a centrocampo da Rigoni, ne approfitta Galano che lascia partire un diagonale che termina a fil di palo di un niente.

Niente altro da segnalare fino al termine del primo tempo che si chiude con Cinelli e compagni in vantaggio.

Inizia la ripresa con subito una conclusione di Dalmonte che, pescato da Guerra in area, non colpisce bene il pallone spedendolo sul fondo.

Al 65′ primo cambio per Di Carlo che mette dentro Gori al posto di Jallow. Pochi minuti e si riaccende ila sfida. Al 69′ arriva il 3-1 del Vicenza con il solito Dalmonte, che dal limite dell’area controlla e conclude imparabilmente con un rasoterra nell’angolino. Neppure il tempo di festeggiare ed ecco che Galano, da posizione leggermente defilata, accorcia le distanze con Perina che riesce solo a sfiorare il pallone.

La squadra sembra accusare il colpo e Di Carlo decide di “smantellare” il reparto avanzato togliendo Guerra e Meggiorini: al loro posto Bizzotto a puntellare la difesa e Da Riva a dare supporto a Gori, rimasto unica punta. Subito, però, il Pescara potrebbe trovare il pareggio, al 75′, con la conclusione di Crecco, che sorprende Perina il quale smanaccia malamente, con il pallone che s’impenna prima di terminare sul fondo. Subito dopo Maistro reclama un fallo di Bizzotto in area: l’arbitro, a ragione, lascia proseguire. Provano a reagire i biancorossi con Dalmonte che, sul fronte opposto, conclude al volo dalla distanza, ma la mira non é precisa. All’84’ Perina vola a deviare la conclusione di Memushaj e, subito dopo, Barlocco con i crampi lascia il posto a Giacomelli. A due minuti dalla fine Gori viene espulso per un fallo a centrocampo su Fernandes.

Vicenza dunque in dieci e, di fatto, con un difensore in meno, a difendere il gol di vantaggio. Al secondo dei sei minuti di recupero un altro cartellino rosso, questa volta per Dalmonte che viene punito con il secondo cartellino giallo per un intervento dal limite sempre su Fernandes.

Rigoni e Giacomelli cercano, con esperienza, di far trascorrere il tempo che manca al triplice fischio di chiusura provando a tener palla. Ammonizione anche per Perina, reo di aver ritardato una rimessa: si allunga ancora il recupero, poi finalmente é finita. Mimmo Di Carlo guarda verso il cielo e si fa il segno della croce: la memoria di Pablito é stata onorata. Poi si perde in un interminabile abbraccio con il suo vice, Claudio Valigi.

 

TROVI SPORTvicentino anche sui socialnetwork: AD OGNUNO IL SUO SOCIAL

Ti potrebbe interessare:

Il LR Vicenza ingrana la quinta con Della Morte e Talarico

Redazione

La Velcofin Vicenza si arrende a Trieste soltanto nel finale

Redazione

Brennero chiuso: la Migross Asiago deve rinunciare alla trasferta ad Innsbruck

Redazione

Lascia un commento