9.2 C
Vicenza
5 Marzo 2024
SPORTvicentino
Sofia Chiumiento (sin.) e Alice Sorcionovo (ph. Erika Zanetti)
Pattinaggio Primo Piano Slider

Ai Mondiali di pattinaggio corsa l’Italia parte con tre argenti e due bronzi

PATTINAGGIO – E’ partita con il piede giusto la nazionale italiana di pattinaggio Corsa impegnata nel primo giorno di gare dei Campionati del mondo di Montecchio Maggiore/Vicenza 2023.

Lo scenario, fatto salvo il grande caldo che attanagliava l’Italia, era il migliore. La pista a curve paraboliche, tirata a lucido dal Comune di Montecchio Maggiore, è perfetta, “sporcata” solo dalla spettacolare cerimonia di apertura che ha inaugurato in pompa magna questa edizione dei mondiali, tornati in Italia dopo 11 anni e disputati ad Ascoli nel 2012.

C’erano quattromila spettatori, assiepati nelle tribune che circondano l’anello, a tifare Italia, ed i ragazzi del CT Massimiliano Presti, concentratissimo in un angolo nascosto degli spalti, hanno da subito risposto alla grande, forse anche sopra alle più rosee aspettative.

Già dalla mattinata, si respirava aria di medaglie. Nelle qualifiche otteniamo ottimi risultati, viziati solo dalle cadute di Giuseppe Bramante e di Giulia Presti che ne compromettono l’accesso alle finali del pomeriggio, dove troviamo tutti i migliori. Si comincia con i 200 metri sprint ad atleti contrapposti J/S, gare in cui riusciamo a salire sempre sul podio.

Il primo titolo in gara è quello delle Junior femmine. Una sorprendente Sofia Maria Chiumiento – senese appena quindicenne quindi, per millesimo, ancora allieva – piazza uno straordinario 19.515”, secondo solo alla colombiana Vasquez, con cui conquista l’argento davanti alla compagna, la marchigiana Alice Sorcionovo che finisce sul terzo gradino del podio.

Altra gara, altra medaglia, questa volta con Riccardo Ceola, l’atleta junior di Bellusco che spezza il dominio sudamericano (primo il Guatemalteca Bonilla Castillo) con un eccellente terzo posto.

I rispettivi miglior tempi di qualifica, avevano fatto sperare in un oro sia ad Asja Varani che a Duccio Marsili. Purtroppo, per un soffio, non riesce l’impresa, con i colombiani che ci rovinano la festa. Alla fine, l’atleta di Martinsicuro si piazza tra le due sudamericane, la vincitrice Munoz e la Pajaro: stessa storia per il campione della Mens Sana che per soli cinque millesimi cede il titolo iridato ad Emanuelle Silva Santibanez.

Altri quattro titoli si assegnano in serata con i 10.000 metri eliminazione per i Senior M/F e stessa distanza, ma ad eliminazione/punti, per gli Junior M/F. Nelle gare lunghe non riusciamo purtroppo a ripetere le medaglie del pomeriggio, ma i risultati sono comunque confortanti, anche alla luce della doppia caduta delle qualifiche che ha fatto fuori due potenziali podi. Tra gli Junior, Siria Montico finisce decima mentre, tra i maschi, l’atleta di casa Manuel Ghiotto parte a mille e ne paga lo scotto, concludendo 14°, preceduto in classifica dal compagno Leonardo Bossi. Gara piena di emozioni quella femminile senior che concentra in una manciata di minuti tutto il meglio di questa spettacolare disciplina. Prima una scaduta spettacolare che coinvolge le colombiane in testa, poi la grande rincorsa delle due, facilitata dal fair play del gruppo che, in pieno spirito decubertiano, rallenta volutamente, infine gli ultimi furiosi giri che assegnano il titolo alla colombiana.

Ti potrebbe interessare:

Il Veneto cadetti concede il bis vincente “Ai confini delle Marche”

Redazione

La Rangers Rugby Vicenza regge per un tempo, poi lascia via libera al Colorno

Redazione

Per la Civitus Allianz Vicenza partenza ad handicap e non riesce il recupero con la Rucker

Redazione

Lascia un commento