30.3 C
Vicenza
6 Luglio 2022
SPORTvicentino
Primo Piano Slider Tennis

Da domenica il grande tennis torna in città con i 15° Internazionali Città di Vicenza

TENNIS – Il grande tennis mondiale torna in città. Dal 22 al 29 maggio nei campi di contra’ della Piarda Tennis Palladio 98 in collaborazione con l’assessorato alle attività sportive e la Federazione Italiana Tennis ospiterà la 15^ edizione degli “Internazionali di Tennis Città di Vicenza – Trofeo FL Service.

Dopo due anni di stop forzato a causa della pandemia torna dunque un appuntamento di richiamo per gli appassionati della racchetta e non solo.

“Ringrazio gli organizzatori di un torneo arrivato ad un’edizione importante – ha esordito il sindaco Francesco RuccoAnche grazie alle nuove promesse del tennis a livello italiano abbiamo un po’ tutti ritrovato la passione per il tennis. È uno sport bellissimo, che va sostenuto anche grazie al lavoro della Fit. Una manifestazione che dà grande lustro alla città: grazie ad eventi come gli Internazionali di tennis abbiamo la possibilità di far conoscere Vicenza anche dal punto di vista turistico”.

“Dopo due anni di grande difficoltà anche per lo sport, siamo onorati di ospitare una manifestazione internazionale di tennis nell’impianto comunale della Piarda, una struttura di riferimento nel panorama tennistico italiano – ha precisato il vicesindaco con delega alle attività sportive Matteo Celebron –. L’invito a cittadini e non è di approfittare di questo importante appuntamento nel calendario degli eventi sportivi cittadini per assistere da vicino a sfide di livello tra ben 80 atleti ma anche per ammirare le bellezze architettoniche e culturali della città”.

“È con rinnovato piacere che saluto il ritorno, dopo due anni di stop forzato a causa della pandemia, del 15° Torneo internazionale Città di Vicenza – Trofeo FL Service – ha dichiarato il vice presidente nazionale Federazione Italiana Tennis Gianni Milan –. Sarà un evento che riporterà il grande tennis in città in un momento in cui il nostro sport sta vivendo una “età dell’oro” a livello di giocatori di vertice e di movimento di base che l’edizione degli Internazionali BNL d’Italia ha confermato facendo registrare nuovi record di spettatori e di incasso. Rivedere sui nostri campi cittadini promettenti giocatori e tennisti che ambiscono a scalare le classifiche Atp sarà l’occasione, soprattutto per moltissimi ragazzi, di entrare in contatto con una realtà che, per molti, rappresenta il sogno di un futuro nel professionismo o, comunque, un modello di ispirazione per poter crescere praticando quello sport che tanto amano”.

“Vicenza con i suoi circoli é un punto di riferimento a livello non solo regionale, ma anche nazionale  – ha sottolineato il presidente del Comitato regionale veneto della Fit Mariano Scottone questo grazie al lavoro importante portato avanti dai suoi dirigenti insieme con la Federazione. Un plauso, dunque, a Tennis Palladio 98 che organizza questo torneo, ma che ha anche un’ottima scuola tennis riuscendo a coniugare il tennis di vertice con l’attività di base, quella rivolta ai ragazzi. Non mi resta dunque che augurare che il bel tempo accompagni lo svolgimento della manifestazione”.

“Dopo due anni di assenza  – ha affermato il direttore del torneo Enrico Bettinigli “Internazionali di Tennis – Città di Vicenza” accendono nuovamente i riflettori e, in questa edizione, nel senso vero e proprio del termine visto che il nuovo impianto di illuminazione installato proprio in questi giorni consentirà per la prima volta la programmazione di un incontro serale. Non nascondo l’emozione di tornare a riassaporare dal vivo il grande tennis e per questo ringrazio gli sponsor, oltre che l’Amministrazione comunale, che rendono possibile una manifestazione che vedrà in gara  tanti giocatori interessanti, a cominciare da Andreas Seppi, già n. 18 del mondo o Ernest Gulbis (ex n. 10 del ranking Atp) che farà addirittura le qualificazioni. Ci saranno poi le wild card assegnate dalla Federtennis: Salvatore Caruso, Francesco Maistrelli e Francesco Passaro per quanto riguarda il tabellone principale e Matteo Gigante e Giovanni Fonio per le qualificazioni. Purtroppo si é invece cancellato dal tabellone Luca Nardi, un altro degli azzurri più interessanti, reduce dalla sconfitta a Parigi. E, a proposito di giovani, avviamo voluto dare le nostre due wild a due promettenti giocatori del circolo, Mattia Ghedin e Thomas Nucera, quest’ultimo cresciuto fin da bambino sui nostri campi. Si tratta di una sorta di premio anche visto il bel campionato disputato in serie C che li vede ora impegnati nelle finali nazionali. Mi piace inoltre ricordare che, in passato, il torneo é stato un trampolino di lancio per campioni come Marin Cilic, Andrej Rublev, Karen Khachanov, oltre al nostro Matteo Berrettini, tutti entrati nella top ten mondiale. 

Come dicevo prima, per noi sarà l’occasione per festeggiare la ripresa di tutta la nostra attività sociale e sportiva dopo due stagioni a singhiozzo a causa del Covid e dei lavori di manutenzione straordinaria dell’argine del fiume Retrone da parte del Genio Civile di Vicenza”.

Per quanto riguarda i dettagli tecnici, é previsto un tabellone principale di singolare a 32 giocatori con le qualificazioni a 24 posti. Il tabellone di doppio è a 16 coppie. Il montepremi é di 54.000 dollari.

L’ingresso sarà gratuito per tutta la durata della manifestazione.

 

PROGRAMMA

Domenica 22 maggio alle 10.30 avranno inizio ufficialmente gli incontri di qualificazione con tabellone a 24 posti dal quale usciranno 6 giocatori promossi nel tabellone principale a 32.

Lunedì 23 maggio il via, nel pomeriggio, del torneo di singolare

Martedì 24 maggio inizierà il torneo di doppio a 16 coppie.

Sabato 28 maggio alle 17 è prevista la Finale del torneo di doppio mentre domenica 29 maggio alle 11 andrà in scena la finale del singolare maschile.

 

Ti potrebbe interessare:

Il LR Vicenza acquista il giovane centrocampista sloveno Tjaš Begić

Redazione

Dal 13 luglio il LR Vicenza in ritiro sull’Altopiano di Asiago

Redazione

Sabato la 83^ Schio – Ossario del Pasubio nel ricordo di Roberto Bagattin

Redazione

Lascia un commento