7.9 C
Vicenza
1 Dicembre 2022
SPORTvicentino
Hockey Hockey in line Primo Piano Slider

I Diavoli “punti” dai Vipers sabato sera ad Asiago per riportare in parità la serie

HOCKEY IN LINE PLAYOFF – Mc Control Diavoli Vicenza inizia la serie della semifinale play off con una sconfitta all’overtime per 3-4 nel derby con Asiago e si trova a dover rincorrere nella serie al meglio delle cinque gare e a cercar riscatto subito, dalla prossima sfida sulla pista di via Cinque, sabato 30 aprile con inizio alle 20.30.
I playoff, come si è detto più volte alla vigilia, sono tutta un’altra storia e possono mettere tutto in discussione, anche se i precedenti in campionato, Regular season e Master round, hanno sempre “parlato” biancorosso: ogni partita va giocata in campo, figuriamoci un derby.
E il pronostico è stato invertito in questa gara 1 e la vittoria è andata ai Vipers, bravi a crederci fino in fondo, a sfruttare qualche leggerezza dei padroni di casa, combattivi e determinati fino all’ultimo secondo.

I Diavoli hanno disputato una buona gara, sono rimasti in vantaggio fino a poco meno di un minuto dal termine, ma forse hanno peccato di presunzione, forse hanno commesso qualche errore di troppo e sono stati puniti subendo prima la rimonta: dal 3-0 al 3-3 e, poi, nell’overtime la rete della vittoria messa a segno dall’ex Enrico Chelodi, giocatore di grande esperienza.
Amarezza in casa Diavoli, consapevoli che è stato giocato solo il primo round e che già da sabato sarà ancora un’altra storia, ma anche che in queste gare e contro una squadra come Asiago non bisogna abbassare la guardia.
Decisive alla fine le penalità e i gol degli ex: vincente per i vicentini il primo play off a favore, nell’unica penalità fischiata nel primo tempo, fuori Rodeghiero nei Vipers, con la rete di Sigmund per l’1-0 vicentino;  poi nel secondo tempo, dopo che la prima frazione di gioco si è chiusa col doppio vantaggio berico grazie alla rete dell’ex Cantele, penalità per i Diavoli, fuori Centofante, prima la rete dei biancorossi con azione micidiale Delfino/Sigmund che porta sul 3-0 i suoi in inferiorità, e poi gol per i Vipers con Schivo che devia in rete il tiro dell’ex Munari per il 3-1. Il 3-0 e una rete in penalty killing avrebbero tagliato le gambe a molte squadre, ma non agli asiaghesi: i Vipers non mollano, rispondono bene alle incursioni dei Diavoli, non sempre lucidi e precisi sotto porta grazie anche agli interventi di Facchinetti, e vanno sul 3-2, ancora con Schivo, a poco meno di sei minuti dalla fine. Partita che diventa più tesa e a tratti confusa: i Diavoli cercano di gestire senza correre rischi, i Vipers fanno pressing e insistono. Penalità contemporanea, fuori Cantele e Munari, entrambi degli ex, e a 50 secondi dalla fine, dopo averci provato e aver trovato un pronto Michele Frigo sulla sua strada un altro ex, Matteo Rossetto, segna per il pareggio degli asiaghesi per la festa sugli spalti sponda Vipers. Ultimi assalti, ma si va all’overtime.
I Vipers sono più aggressivi, ma decisiva ancora una volta una penalità: fuori Sigmund nel Vicenza e a 15 secondi dal rientro dello statunitense è un altro ex ad essere protagonista: Chelodi, di rimbalzo, beffa il golie vicentino e consegna la vittoria ai compagni.
Chiusa la prima, si volta pagina e si pensa alla rivincita sabato.
Le sconfitte non sono mai belle e naturalmente ti fanno ragionare – ha dichiarato a fine partita Andrea Ustignani, capitano dei Diavoli e supporto in panchina. – Abbiamo gestito la partita bene tutto il primo tempo e per gran parte del secondo tempo, poi ci sono stati tre episodi che ci hanno portato sul 3 pari, alla fine creati da noi perché appena gestivamo male il disco Asiago aveva la possibilità ripartire. Conosco da tanti anni questa squadra e so che non mollano mai e possono dar fastidio a tutte le squadre del campionato. Credo che dovremo guardar bene gli errori che abbiamo fatto, anche in overtime purtroppo abbiamo preso una penalità, forse dubbia, secondo me, dopo il metro che è stato tenuto tutta la partita con penalità non fischiare da entrambe le parti, cosa che mi vede favorevole perché se c’è parità ed equità è giusto che non vengano fischiate. Purtroppo ci hanno poi fischiato la penalità, abbiamo tenuto bene fino a pochi secondi dalla fine del power play, ma abbiamo subito il gol, anche se Michele non ha colpa perché ha parato benissimo. Abbiamo preso un paio di gol strani, ma gol è gol, così mi hanno sempre insegnato e che siano brutti o belli non importa. L’anno scorso abbiamo imparato che perdendo si può vincere ugualmente, siamo una squadra matura abbastanza per reagire e sarà una bellissima partita ad Asiago. Comunque meglio ora che in gara tre”.
– Sabato in trasferta non ci sarà nemmeno il favore della pista.
Andiamo in casa loro con un campo più piccolo dove può succedere di tutto, vedremo. Noi andremo di sicuro con l’idea di vincere e di portarla a casa, però può succedere di tutto. Sappiamo anche, come ci è successo, che si può andar sotto di due gare. Naturalmente bisogna che tutta la squadra abbia l’obiettivo comune di andare ad Asiago e giocare in  un altro modo, o anche giocare allo stesso modo cercando di evitare di dare dello spazio agli avversari che sono stati bravi a sfruttare le occasioni che abbiamo lasciato”.
– Cosa è mancato ai Diavoli e cosa hanno avuto in più i Vipers?
“Io credo che Asiago ci abbia creduto un po’ di più fino all’ultimo, mentre noi non abbiamo gestito al meglio gli ultimi minuti dei tempi regolari. Questo secondo me è mancato. Bisogna che alcuni dei nostri giocatori durante i play off tirino fuori qualcosa di più. Abbiamo dei giocatori giovani, magari un po’ inesperti, ma secondo me possono dare di più. Questa è la piazza in cui si può dimostrare il valore e usare di più la testa. Parlerò con i miei compagni, visto che ormai il mio ruolo è diventato quello di motivatore, controllore e aiuto dei coach della squadra, quindi penso di poter dare una mano venerdì sera e curare alcuni dettagli”.


Mc Control Diavoli Vicenza – Asiago Vipers (2-0) 3-4
Mc Control Diavoli Vicenza: Frigo Michele, Olando, Cantele, Francon, Delfino, Tabanelli, Dell’Uomo, Sigmund, Centofante, Ustignani, Baldan, Frigo N., Trevisan, Dal Sasso, Pace. All. Maran F.

Asiago Vipers: Facchinetti, Stella G., Rossi, Berthod, Panozzo, Frigo Marco, Munari, Schivo, Pertile, Rossetto M., Lievore, Spiller, Chelodi, Rodeghiero, Rossetto A., Basso. All. Rigoni L.

Arbitri: Ferrini e Rigoni M.
RETI. PT: 6.51 Sigmund (V) pp, 19.44 Cantele (V);
ST: 22.42 Sigmund (V) pk, 24.07 Schivo (A) pp, 34.06 Schivo (A), 39.10 Rossetto M. (A);
OT: 43.51 Chelodi (A) pp.

Ti potrebbe interessare:

Da Sala degli Stucchi la Rangers Pallanuoto Vicenza si “tuffa” nella serie B

Redazione

Tragedia sulle strade: Davide Rebellin travolto ed ucciso da un camion

Redazione

Nei playoff promozione sarà derby tra Tennis Comunali Vicenza e ST Bassano

Redazione

Lascia un commento