18.3 C
Vicenza
15 Aprile 2024
SPORTvicentino
Hockey Hockey in line Primo Piano Slider

Sulla panchina dei Diavoli arriva Denis Sommadossi ad affiancare Sigmund

HOCKEY IN LINE SERIE A – I Diavoli Vicenza mercoledì saranno impegnati a Cittadella, con inizio gara alle ore 20.30, per la penultima partita di regular season.
Ed in casa biancorossa c’è da registrare una novità in panchina: Alessandro Corso ha comunicato di dover lasciare per motivi personali e ad affiancare Nathan Sigmund arriva Denis Sommadossi, che era stato a Vicenza per una breve parentesi ad inizio stagione 2019/2020.
Società e atleti ringraziano Alessandro Corso che ha sottolineato come sia stata una decisione difficile: “E’ stata una scelta molto sofferta. Il gruppo dei ragazzi è affiatato e mi piaceva un sacco vederli giocare – ha dichiarato Corso. – Ho deciso di fare questa scelta per motivi familiari: mi spiace davvero, ma cercherò di venire a vedere qualche partita”.

Un bentornato a Denis Sommadossi che farà il suo esordio a Cittadella, praticamente la sua casa da dieci anni, dove ha giocato, ha vinto (storica la conquista della Supercoppa contro Milano!) e di cui ha tanti bei ricordi. Chiamato da Vicenza per questa seconda fase della stagione, Sommadossi si è reso disponibile per rimettersi in gioco dopo quasi quattro anni dalla sua prima esperienza biancorossa, con la voglia di fare bene e di dare anche il suo contributo nel raggiungimento degli obiettivi che i Diavoli si sono prefissati.
I ragazzi lo conoscono tutti, visto che è vice di Luca Rigoni in nazionale, e anche perché con alcuni biancorossi ha condiviso esperienze di gioco, esperienze come allenatore o come avversario.
“Abbiamo giocato insieme in nazionale e ci conosciamo bene – ha dichiarato Andrea Delfino, bomber e capitano biancorosso – Ci tengo a ringraziare Ale, da parte di tutti, per il suo impegno e il lavoro svolto e a rivolgere un in bocca al lupo a Denis. Abbiamo due partite per completare la regular season e poi affrontiamo la Final Six di Coppa Italia e la seconda fase del campionato. Queste ultime gare sono importanti per continuare a lavorare sugli aspetti da migliorare prima della Coppa Italia”.
– Si gioca in casa: sarà un vantaggio o ci sarà più pressione?
“Giocare in casa speriamo possa darci quel vantaggio in più sia per la pista che per il sostegno dei tifosi. Speriamo di fare bene e di portarla a casa perché i giocatori e la squadra per farlo ci sono”.
La parola passa a Denis Sommadossi: “E’ stata una proposta improvvisa e la scelta è stata veloce – spiega – Ho deciso subito e confermato in brevissimo tempo. Ritorno con la voglia di fare bene e di crescere insieme. Conosco tutti, sia per l’esperienza fatta a Vicenza, sia, come nel caso di Vendrame ed Hodge, per l’esperienza sulla panchina del Milano, oltre che per la nazionale”.
– Hai seguito i Diavoli in questa stagione?
“Ho visto alcune gare, come di altre squadre. Ho seguito la Supercoppa e devo dire che Vicenza meritava di più, almeno da fuori. In una partita secca poi hanno fatto la differenza gli episodi, anche se Milano è stato bravo a sfruttarli a suo favore. E’ passato però molto tempo, si era agli inizi della stagione e la squadra da allora è migliorata”.
– Fra le avversarie la prima rivale resta sempre Milano?
“Le due squadre più forti sono sicuramente Vicenza e Milano, con Asiago come outsider. Sono cresciuti anche loro, hanno un ottimo allenatore e giocare sul loro campo è difficile per chiunque”.
– Conosce bene anche Milano, questo potrà giocare a favore dei biancorossi?
“Dovunque io vada cerco di fare il meglio, quindi cercherò di dare il mio contributo a fianco di Sigmund. Ho sempre fatto così, nel bene e nel male. Rispetto alla prima esperienza a Vicenza sarà diverso, ma starà a noi aiutarci reciprocamente e dare ognuno il suo supporto in campo e in panchina”.
– Esordio mercoledì a Cittadella, un ritorno alle origini?
“Sicuramente sarà una “trasferta” molto comoda, visto che ci abito da dieci anni e che è la società dove sono stato più a lungo, per cinque stagioni. Siamo riusciti a vincere una Supercoppa e mi legano a Cittadella tanti bei ricordi. Penso che Cittadella ed Asiago siano le società che sono cresciute maggiormente a livello qualitativo e i risultati l’hanno dimostrato. Asiago con alcuni giocatori, come Belcastro, Tessari e tanti altri, Cittadella con alcuni atleti arrivati da Padova ed un percorso iniziato dallo scorso anno con Marobin. La classifica comunque rispecchia le qualità delle squadre”.
L’appuntamento quindi è per mercoledì sulla pista di Cittadella alle ore 20.30 oppure in diretta streaming sul canale youtube della FISR.

Ti potrebbe interessare:

Il LR Vicenza con un doppio Ronaldo rovina la festa promozione del Mantova

Redazione

Simone Faggioli cala il poker vincente alla Salita del Costo

Redazione

Nelle prove della Salita del Costo Merli rilancia la sfida a Faggioli

Redazione

Lascia un commento