Impresa del Longare con la capolista Alto Academy

Esiste realmente la parola “impossibile”?

Quante volte vediamo la squadra di medio-bassa classifica arrendersi ancora prima di iniziare la gara contro l’avversaria considerata più forte? Numeri e una differente posizione in classifica creano una convinzione mentale che solo la fortuna di trovare occasioni a favore è in grado di abbattere. Un presupposto che poteva facilmente fare il capolino nella mente dei gialloverdi in occasione di quest’ultimo match di campionato, ma non è stato così. Marano Vicentino si è trasformato in un vero teatro del calcio per la partita tra Alto Academy, squadra a punteggio pieno che guida la classifica dei giovanissimi regionali senza mai aver subito una sconfitta, e il Longare, che la domenica prima aveva messo un freno alla lunghissima serie di risultati negativi conquistando la vittoria contro il Lonigo.
Quella successiva si annunciava come una partita insidiosa: confrontarsi con la formazione capace di nessuna sconfitta stagionali era un esame importante soprattutto dal punto di vista mentale.
Due erano le opzioni: chiudersi in difesa ed evitare il peggio o provare a giocare. Nonostante le difficoltà, però, il Longare riesce a capovolgere positivamente il pronostico rispondendo sul campo con determinazione e mentalità vincente da grande squadra. Una vittoria impensabile, per 0-1, che sottolinea l’elemento della compattezza gialloverde che c’è tra ogni giocatore verso il comune obiettivo di conquistare la vittoria. Gialloverdi che sono riusciti dunque a scartare la parola “impossibile” dal loro dizionario e nonostante abbiano affrontato la squadra forse più forte di questo campionato hanno dimostrato di essere un ottimo sfidante.
Passando alla cronaca, la squadra di casa comincia guadagnando campo e creando una rete di passaggi continui e veloci da una parte e dall’altra delle due fasce. La prima occasione per i nerazzurri arriva subito con un tiro da posizione laterale di sinistra: la palla termina però alta sopra la traversa. Al 14′ sono sempre i locali ad andare vicini al gol: entrano in area di rigore e provano il tiro, ma il portiere Mariga è attento e blocca in due tempi.
L’Alto Academy rimane alto con il baricentro, ma il Longare svolge un’ottima azione difensiva, non concedendo troppo e rimanendo in costante attenzione a non lasciare buchi. La squadra di casa gioca bene, gira veloce la palla, però spesso concede ripartenze come quella al 17′ che diventa cruciale: sulla destra Grigolato avanza e decide di servire Bottaro, libero sulla sinistra, che si accentra e, a tu per tu con il portiere, non sbaglia e segna il gol del vantaggio. Nel secondo tempo, l’Alto Academy prova subito a riportare il risultato in parità con un tiro pericoloso dall’interno dell’area di rigore, palla indirizzata verso lo specchio ma la traversa impedisce il pareggio. La tensione sale, l’Alto Academy vuole rimettere assolutamente le cose a posto in quanto una sconfitta può interrompere la fuga dal secondo posto, ma il Longare vuole a tutti i costi difendere il risultato di vantaggio e lo fa bene. Il portiere Mariga mette una pezza sui numerosi tiri pericolosi arrivati verso la sua porta diventando “l’uomo partita”. L’impossibile non esiste ed il Longare ne ha dato la conferma. Vincere contro la capolista che non aveva mai perso prima d’ora è segnale che il gruppo gialloverde sta crescendo e migliorando di partita in partita. I gialloverdi hanno ripreso la rincorsa di inizio anno che viene ora interrotta per le vacanze natalizie.
Sarà pronta però per essere ripresa il 6 gennaio con l’inizio del girone di ritorno. Giorni di stop nei quali sarà importante recuperare la forma fisica per riprendere al meglio da dove si è terminato! (Alessia Lovato)

Lascia un commento