19.8 C
Vicenza
5 Luglio 2022
SPORTvicentino
Hockey in line Primo Piano Slider

A Ferrara overtime fatale ai Diavoli attesi sabato al “classico” con Milano

HOCKEY IN LINE SERIE A – Mc Control Diavoli Vicenza torna da Ferrara con una sconfitta all’overtime per 4-3, al termine di una gara che non ha deluso le attese: equilibrata, combattuta, ricca di qualità, contenuti tecnici e spettacolo. Ferrara si conferma, se ce ne fosse stato bisogno, una delle grandi protagoniste del campionato e squadra che non molla mai. E, dopo aver costretto sabato all’overtime Milano, poi vincente, porta anche i biancorossi all’appendice della sfida conquistando il successo grazie alla rete di Alessio Lettera, uno dei punti di forza dei Warriors.
Grande equilibrio per tutta la gara, gran lavoro per i portieri, Frigo da una parte e Peruzzi dall’altra, e grandi emozioni.
I Diavoli, dopo essere passati sul doppio vantaggio nel primo tempo, con le reti di Nathan Sigmund e Andrea Delfino, in penalty  killing il bomber, hanno subito la rimonta dei padroni di casa che hanno accorciato le distanze con Andrea Bellini e pareggiato a dieci secondi dall’intervallo con Nicola Lettera.

Nella seconda frazione di gioco ancora spettacolo e ancora equilibrio, spezzato dalla rete vicentina arrivata da una deviazione di Gaboriau su conclusione di Frigo. I biancorossi provano a chiudere la gara, ma non ci riescono e nell’ultimo minuto un Ferrara agguerrito, che toglie anche il portiere per tentare il tutto per tutto, trova il pareggio di nuovo ad una manciata di secondi dal fischio della sirena con Alessio Lettera.
Si va all’overtime, le squadre ci provano, Vicenza è pericoloso in un paio di incursioni, tuttavia quando sembra che il risultato sia bloccato sul pareggio un’incursione dei padroni di casa conclusa con il gol ancora di Alessio Lettera fa esplodere di gioia il pattinodromo di Ferrara.
Onore ai vincitori, forse più determinati e più agguerriti fino all’ultimo secondo e onore ai Diavoli per aver dato vita ad una sfida spettacolare.
“Sapevamo che dovevamo lottare contro una squadra che sta facendo molto bene, reduce da un punto importantissimo all’overtime contro Milano, quindi una formazione che se la può giocare con tutti – ha commentato a fine gara capitan Ustignani.Purtroppo non siamo riusciti a mantenere il vantaggio negli ultimi dieci secondi, abbiamo sbagliato un gol a porta libera, quindi per la legge del ‘gol sbagliato gol subito’ abbiamo subito il pareggio. All’overtime sono stati bravi loro con un bel tiro da fuori e una deviazione. Sapevamo che sarebbe stata una partita difficile, potevamo gestirla in maniera diversa, ma sbagliando si impara, meglio ora che più avanti. Siamo ancora una squadra in rodaggio che sta cercando l’alchimia giusta tra le linee: sicuramente questa partita ci fa vedere delle situazioni da migliorare e ci darà materiale su cui lavorare. Credo che la sconfitta ci servirà per arrivare mentalmente preparati sabato alla sfida con Milano. Faccio comunque i complimenti a Ferrara che ha dimostrato di avere un bel carattere perché in due partite è riuscita a recuperare lo svantaggio portando le due squadre più forti del campionato all’overtime e in questo caso, con noi, vincendo pure”.


Warriors Ferrara – Mc Control Diavoli Vicenza (2-2) 4-3

Warriors Ferrara: Peruzzi, Cipriano, Duchemin, Ballarin, Crivellari, Veronese, Dell’Antico, Bellini A., Lettera N., Zabbari, Bellini M., Gaboriau, Lettera A. All. Bellini A./Crivellari A.

Mc Control Diavoli Vicenza: Frigo M., Olando, Cantele, Francon, Delfino, Tabanelli,  Dell’Uomo, Sigmund, Ustignani, Zerdin, Pace, Baldan, Frigo N., Simsic, Dal Sasso. All. Maran F.
Arbitri: Lottaroli e Slaviero

RETI. PT: 0.27 Sigmund (V), 12.04 Delfino (V) pk, 12.50 Bellini A. (F), 19.50 Lettera N. (F); ST: 24.41 Frigo N. (V), 39.49 Lettera A. OT: 43.46 Lettera A. (F)

Ti potrebbe interessare:

Dal 13 luglio il LR Vicenza in ritiro sull’Altopiano di Asiago

Redazione

Sabato la 83^ Schio – Ossario del Pasubio nel ricordo di Roberto Bagattin

Redazione

A Creazzo grande festa per il ritorno “mondiale” di Thomas Ceccon

Redazione

Lascia un commento