16.3 C
Vicenza
11 Maggio 2021
SPORTvicentino
Calcio Primo Piano Slider Vicenza Calcio femminile

Il Vicenza femminile sfiora il colpaccio contro la capolista Pomigliano

Pomigliano – Vicenza Calcio femminile 3-3

POMIGLIANO CALCIO – Balbi, Dodds, Pinna, Moraca (46’ Massa), Tudisco, Riboldi, Ferrandi (84’ Domi), Kiamou (60’ Miroballo), Schioppo (C), Lombardi, Cox. A disposizione: Del Pizzo, Apricella, Russo, Manno, Erman, Domi. Allenatore: Biagio Seno

VICENZA CALCIO FEMMINILE – Bianchi, Fasoli, Galvan, Missiaggia (C), Larocca, Piovani (53’ Cattuzzo), Sossella (72’ Maddalena), Kastrati, Basso (72’ Bauce), Yeboaa, Dal Bianco A disposizione: Dalla Via, Broccoli, Balestro, Frighetto, Gobbato, Bonzi. Allenatore: Cristian Dori

Arbitro: Gravini di Aprilia (assistenti: Gookooluk N. e Gookooluk V. di Civitavecchia)

Marcatrici: 2’ Cox (P), 50’ Pinna (P), 87′ Domi (P); 6’ e 62’Kastrati (V), 80’Cattuzzo (V)

NOTE: ammonite: Dal Bianco, Sossella (V), Moraca, Riboldi (P). Espulso: Seno (P). Recupero: 3’, 5’

 

CALCIO FEMMINILE SEIE B – Alle pendici del Vesuvio finisce 3 a 3 tra Pomigliano e Vicenza. Una prestazione magistrale delle biancorosse, in una gara giocata a ritmi altissimi contro un avversario di assoluta caratura. Le ragazze hanno tenuto testa alla capolista, andando due volte in svantaggio e recuperando sempre, fino alla rete che ha portato le beriche avanti. Per trovare il pareggio le campane hanno dovuto approfittare di una mischia in area a tre minuti dalla fine.

Pronti via e il Pomigliano passa. Ferrandi recupera un pallone e serve Pinna, che in progressione entra in area e tira: Bianchi si salva con un piede, ma dal corner successivo, Cox svetta di testa e insacca.

Il Vicenza non sembra accusare il colpo e al 6’ pareggia: Kastrati è lesta a rubare a Cox il pallone al limite dell’area: la numero 10 scarta Balbi e deposita in rete l’1 a 1.

All’8 pericolosissimo il Pomigliano: cross in area, Tudisco sulla sinistra tira al volo: Bianchi si supera e mette in corner. Bella punizione di Missiaggia in area all’11’: Kastrati colpisce di testa ed il pallone esce di poco sulla destra. Al 17’ Ferrandi riceva palla dentro l’area e tira a botta sicura: straordinaria la parata di Bianchi, che con la mano destra toglie il pallone dalla porta.

Al 19’ il Vicenza pericoloso sempre da una punizione di Missiaggia, sulla quale Kastrati colpisce di testa: bravissima Balbi ad intercettarla. Sulla respinta Yeboaa al volo non riesce a centrare la rete.

La partita è un continuo capovolgimento di fronte: bel colpo di testa di Tudisco al 21’, ma il pallone esce.

Al 26’ galoppata sulla destra di Dodds, che si accentra e di sinistro esplode un bolide diretto verso il primo palo: è sempre Bianchi provvidenziale nel toglierla dall’incrocio.

Il Pomigliano arriva spesso al tiro, ma si tratta di conclusioni dalla lunga distanza che non creano problemi alla retroguardia biancorossa. Al 38’ giochi di prestigio di Kastrati a metà campo, che serve un filtrante per l’accorrente Basso: Balbi in uscita riesce ad anticipare e sgomberare. Sul rinvio improvvisato, Dal Bianco cerca di beffare il portiere con un tiro dalla trequarti, però il pallone esce.

Con l’ennesima punizione di Missiaggia, finita tra le braccia di Balbi, si conclude uno splendido primo tempo, giocato sempre ad alti ritmi, con le biancorosse che sono riuscite a mantenere l’intensità della capolista.

Nella ripresa il Pomigliano appare più arrembante: il primo tiro di Dodds, al 48’, finisce alto.

Al 50’ il Pomigliano passa nuovamente in vantaggio: Ferrandi è un missile, entra in area dalla destra e mette in mezzo dove Pinna stacca di testa e deposita in rete.

Al 58’ la neo entrata Cattuzzo recupera un pallone al limite dell’area e tira: il bolide indirizzato sul secondo palo finisce di poco fuori. Pomigliano vicinissimo al gol al 60’: Dodds ingaggia un duello con Fasoli in area, ed arriva al tiro di sinistro, che termina sulla traversa.

Il Vicenza però non molla e al 62’ arriva un eurogol di Kastrati a regolare i conti: l’attaccante kosovara è lesta nel rubare palla al limite dell’area, poi magistrale nel destreggiarsi tra la difesa, accentrarsi e ad esplodere un destro potentissimo e preciso sul quale nulla può Balbi.

Un minuto dopo il Vicenza rischia di passare in vantaggio, ma il bel tiro di Cattuzzo finisce fuori di poco.

All’80’ arriva comunque il terzo gol biancorosso: filtrante di Yeboaa per Cattuzzo in area, ma la difesa riesce a sgomberare. Cattuzzo però ci crede: vicino al corner sinistro ruba palla a Riboldi, scambia con Bauce in area e, dal limite, beffa Balbi sul suo palo.

Il Vicenza continua ad attaccare: Kastrati tenta di sfondare in area, viene stesa: il guardalinee indica il dischetto, ma per l’arbitro è punizione dal limite. Il tiro di Maddalena finisce sulla barriera e, dal corner che ne scaturisce, la difesa campana riesce come può a sgomberare.

Il Pomigliano però non resta a guardare: all’86’ l’allenatore Seno viene espulso per proteste  reclamando un rigore per un presunto fallo di mano mentre all’ 87’ si ristabilisce il risultato. Corner, mischia in area con il portiere ospite che resta a terra. L’arbitro non fischia e l’azione continua: il pallone esce dall’area e, con la porta completamente sguarnita e Bianchi dolorante sul terreno di gioco, Domi da fuori realizza il 3 a 3.

Gli ultimi minuti sono nervosi, con entrambe le squadre che vogliono vincere l’incontro. La partita si fa molto tesa, ma nessuna delle due formazioni riesce a sfondare ed il risultato non cambia più.

Ennesima prestazione di carattere da parte delle biancorosse, che hanno tenuto testa alla capolista del girone e si sono dovute arrendere solamente alla fine, in una modalità per altro parecchio discutibile.

Le ragazze hanno sfoderato un’altra partita di cuore riuscendo, a tratti, a mettere anche sotto la prima della classe. Ora però testa alla prossima partita: domenica il Vicenza ospiterà l’Orobica.

Ti potrebbe interessare:

Nicola Galvan (Asiago 7 Comuni S.O.K.) si conferma campione italiano Pre-O

Redazione

Il PWT Italia si conferma per il quarto anno campione italiano di orienteering (staffetta)

Redazione

Riccardo Scalet (PWT Italia) si regala il titolo tricolore di orienteering per i suoi 25 anni

Redazione

Lascia un commento