18.2 C
Vicenza
25 Settembre 2022
SPORTvicentino
Calcio Primo Piano Slider

Il calcio veneto pensa alla ripresa dell’attività dal 4 dicembre: prima gli allenamenti e poi i campionati

Come già riportato, venerdì scorso si è svolto in video conferenza il Consiglio Direttivo della Lega Nazionale Dilettanti che ha affrontato, tra gli altri, il tema della prosecuzione e completamento della stagione sportiva 2020/2021. Ferme restando nuove eventuali disposizioni governative alla scadenza del D.P.C.M. in vigore sino al 3 dicembre, il Consiglio Direttivo ha assunto importanti decisioni che intendono privilegiare la conclusione dell’attività nel territorio, quali:
• Annullamento della Fase Nazionale di Coppa Italia Dilettanti
• Annullamento degli spareggi nazionali delle seconde classificate di Eccellenza
• Annullamento della Fase Nazionale del campionato Juniores
• Annullamento dei Tornei delle Regioni di calcio a 11 e di calcio a 5
Il posto da assegnare alla vincitrice della Fase Nazionale di Coppa Italia e i 7 posti dedicati alle società (seconde classificate) vincitrici gli spareggi nazionali verranno individuati in base ad una graduatoria che valuterà determinati criteri e che sarà resa nota quanto prima.
Il Consiglio Direttivo della L.N.D. ha inoltre ipotizzato la ripresa degli allenamenti a partire dal 4 dicembre per un periodo (due settimane almeno) che possa garantire una idonea ripresa tecnico/ fisica. Spazio poi destinato ai recuperi con lo scopo di riallineare l’attività anche per garantire la regolarità dei Campionati. Si passerebbe quindi alla ripresa vera e propria dell’attività agonistica.

Appare evidente che con l’annullamento della fase nazionale e la possibilità di proseguire, prevedendo in tal senso una deroga, anche oltre il 30 giugno, si liberano spazi utili per nuovi scenari che saranno concordati con le società con modalità che saranno presto stabilite.

Da parte sua il C.R. Veneto intende continuare a rispondere alle varie richieste di società, che propongono iniziative e/o soluzioni, riconoscendo il grande sforzo economico messo in atto dalle stesse società affiliate per rispettare i vari protocolli e garantire la salute dei propri atleti, intervenendo per quanto possibile, nel contribuire sostanzialmente a tale impegno.

Richieste che riguardano Protocolli Sanitari esulano dalle competenze del C.R. Veneto, anche se l’argomento è stato oggetto di ampia discussione in sede dell’ultimo Consiglio Direttivo nazionale dove si sono chieste applicazioni idonee ed economicamente sostenibili per le società dilettantistiche.

Pare interessante e percorribile la richiesta di alcune società in merito ad un ampliamento delle prestazioni offerte dall’attuale polizza assicurativa (per test COVID) che andrebbe ad aggiungersi alle già approvata tutela legale per provvedimenti legati a a questa emergenza.

Ti potrebbe interessare:

Diavoli “on fire”: sabato c’è Ferrara e domenica la Supercoppa con Milano

Redazione

Sabato per la Rangers Rugby Vicenza la presentazione ufficiale ed il 7° Trofeo Canova

Redazione

La rappresentativa del Veneto U14 al Trofeo Coni con 195 atleti di 40 Federazioni

Redazione

Lascia un commento