14 C
Vicenza
23 Aprile 2021
SPORTvicentino
Atletica Primo Piano Slider

ATLETICA – La Strati domenica è attesa a Mestre

ATLETICA, DOMANI DEBUTTA STECCHI NELL’ASTA, LAI NEI 100
Riflettori puntati su Castelporziano (Roma) e su Donnas (Aosta) per il sabato d’atletica. Sulla pedana del centro sportivo delle Fiamme Gialle, a partire dalle 18, debutta l’astista finalista mondiale Claudio Stecchi. Il finanziere fiorentino allenato dal primatista italiano Giuseppe Gibilisco inizia da una sfida completamente azzurra con altri tre astisti che si allenano, come lui, all’Infernetto: il campione italiano all’aperto e al coperto Max Mandusic (Trieste Atletica), salito a 5,50 in febbraio, il saltatore da 5,55 Alessandro Sinno (Aeronautica) e lo junior Ivan De Angelis (Fiamme Gialle). È il primo test per Stecchi sulla strada che conduce alla Diamond League e in particolare all’appuntamento di lusso del 14 agosto all’Herculis di Montecarlo con Duplantis e altre star mondiali. Ottavo al mondo a Doha, quarto agli Euroindoor di Glasgow, l’astista azzurro ha saltato 5,73 nella stagione indoor, a sette centimetri dal personale di 5,80, mentre all’aperto vanta una miglior misura in carriera di 5,75. Chi invece ha già aperto la propria stagione, e lo ha fatto con un promettente 10.22 (+2.0) nei 100 metri in Svizzera, è il velocista Luca Lai (Athletic Club 96 Alperia): in Valle d’Aosta, sulla pista di Donnas, il 28enne sprinter di Oristano allenato dal fratello Alessandro va alla ricerca di conferme nei 100 metri alle 18.30 (e correrà anche sui 200 un’ora dopo). Stavolta non avrà lo stimolo dello svizzero Silvan Wicki che con 10.11 a Bulle, al suo fianco, ha siglato il miglior tempo d’Europa dell’anno (un centesimo meglio del Tortu di Savona) ma l’occasione è da sfruttare per mettere a punto gli aspetti tecnici su cui sta lavorando. Tra gli iscritti anche Massimiliano Ferraro (Atl. Riccardi Milano 1946), 10.43 a Savona, e deciderà nelle ultime ore l’argento europeo under 20 della 4×100 Lorenzo Ianes (Atl. Trento). Tre le donne Chiara Melon (Atl. Brescia 1950 Metallurgica San Marco) sarà in azione su 100 e 200. Prove di velocità per l’azzurra del salto in lungo Laura Strati (Atl. Vicentina) che domenica a Mestre (Venezia) è attesa nei 100 metri. Sempre domenica il piatto forte nella riunione al campo XXV Aprile di Milano è il mezzofondo con i 3000 metri che metteranno di fronte la maratoneta azzurra Giovanna Epis (Carabinieri) e l’ex campionessa italiana di cross Martina Merlo (Aeronautica).

COMPETIZIONI, AGGIORNAMENTO DEL PROTOCOLLO
Come ogni settimana, pubblichiamo le novità dei protocolli FIDAL per la ripresa delle attività, in continuo aggiornamento.
Aggiornamento 17 luglio 2020 – Relativamente allo svolgimento di manifestazioni territoriali, è sempre consentita la partecipazione fuori regione agli atleti di interesse nazionale. A tal fine si specifica che sono riconosciuti atleti di interesse nazionale anche tutti coloro che abbiano acquisito il diritto a partecipare ai Campionati Assoluti e di categoria 2020, avendo raggiunto gli standard di partecipazione nel 2019 e nel 2020. Le manifestazioni dovranno sempre svolgersi nel rispetto di quanto autorizzato con l’aggiornamento del 2 luglio 2020; in particolare, le gare degli 800 metri e superiori dovranno ovviamente rispettare il numero di partecipanti per ogni singola serie/batteria previsto dal citato aggiornamento.

FILIPPO, LARISSA, RE: COSA RESTA DI SAVONA
A mente fresca è utile ragionare sul meeting di Savona appena terminato, fissando alcuni dei temi principali emersi in questo avvio – decisamente brillante – del circuito di riunioni sul suolo italiano. Cosa resta di Savona?
1 – La nuova dimensione di Larissa
Che fosse cambiata qualcosa, anzi, più di qualcosa, si era intuito a Vittorio Veneto, in occasione della prima uscita stagionale della baby prodigio. Ma a Savona, la non ancora (per poche ore) diciottenne Larissa Iapichino è ufficialmente entrata nell’atletica dei grandi. Il 6,80 realizzato sulla pedana della Fontanassa (record italiano Juniores, seconda prestazione italiana assoluta all-time in coabitazione con Valentina Uccheddu) non è un semplice ticket d’ingresso: è una vera e propria certificazione, che cambia scenario e prospettive per la figlia di Gianni e Fiona May, entrambi presenti all’exploit della ragazza. Sul piano tecnico, la semplicità, la naturalezza, con cui è passata dall’hang di Ancona di fine febbraio (Assoluti indoor), al “due e mezzo” di questo avvio d’estate, lascia interdetti. La nuova tecnica introdotta da Gianni Cecconi, supportata da una rincorsa molto più efficace, è la chiave di volta dell’evoluzione. Negli occhi di chi l’ha vista saltare, in attesa dei dati delle analisi tecniche, l’impressione è che ora Larissa sviluppi nel suo salto una componente verticale nettamente superiore, ottenendone in cambio la cospicua razione di centimetri di progresso. La testa, lo straordinario fighting spirit messo in mostra in occasione degli Europei Juniores (per citare l’occasione più eclatante), c’era già.
2 – Filippo e il graffio del campione: 1-0
Quando la pressione sale, l’atleta di talento riesce a sfruttarla per mettere a segno il colpo da KO. Vecchia regola dello sport, valida sempre, e in ogni circostanza (sintetizzata dal vecchio adagio: i grandi risultati sono figli delle grandi tensioni). Quando tutti erano lì ad interrogarsi sui problemi di Tortu, reduce da una batteria troppo grigia per essere vera (sarà la partenza; no, è il lanciato; ma che, non ha forza; e chi più ne ha, più ne metta…), ecco l’artigliata, il graffio del fenomeno. La testa di Filippo, messo all’angolo da un convincente Marcell Jacobs (al netto dell’incespicata in avvio di entrambi) fa ancora una volta la differenza, e regala il 10.12 che segna le distanze. Due centesimi di margine (10.14 per il bresciano), e 1-0 stagionale in favore del finalista mondiale di Doha, al termine di un confronto bello e palpitante. La speranza è che il match si ripeta ancora in stagione, più volte, perché ciò che resta è la certezza che questo confronto faccia bene ad entrambi.
3 – Re per (più di) una notte
No, la doppietta di primati personali di Rieti, il 4 luglio scorso (10.47 nei 100, 20.69 nei 200) non è stata gloria effimera. Davide Re ha confermato a Savona, con il 45.31 della sua prima uscita stagionale sul giro di pista, di essere sulla strada giusta per ripetere lo strepitoso 2019. Anno che gli ha regalato, tra le altre cose, la qualifica di primo italiano in grado di correre al di sotto dei 45 secondi. La sensazione è che ci sia spazio per crescere di condizione, e conseguentemente, di limare abbondantemente il crono di ieri. Corsa regolare, ragionata, quella del primatista nazionale, interessato a saggiare, alla vigilia, soprattutto le doti di resistenza, dopo aver dato prova d’efficacia in quelle di sprinter. Test completato con notevole riscontro d’efficienza. Tra l’altro, il ruolo di leader della specialità, di “chioccia” dei più giovani, sembra funzionare.

IMOLA, CRESCE IL MARTELLISTA OLIVIERI
Non solo Savona nel super giovedì dell’atletica italiana, con diverse manifestazioni regionali in calendario. A Imola (Bologna) arriva il progresso del giovane lanciatore Giorgio Olivieri che spedisce il martello a 72,65. Vent’anni da compiere a novembre, il portacolori dei Carabinieri aggiunge più di mezzo metro al 72,03 della scorsa stagione agli Assoluti di Bressanone, ottenuto poco dopo aver conquistato la medaglia di bronzo agli Europei under 20 di Boras. Con questo risultato il marchigiano di Porto San Giorgio diventa il settimo under 23 italiano di sempre, al suo primo anno tra le promesse.

RADUNI: LANCI A GROSSETO, MARCIA A LIVIGNO, GIORGI A VIPITENO
Continua l’estate di raduni. Livigno (Sondrio), dove prosegue lo stage dei mezzofondisti e dei maratoneti azzurri, tra cui il primatista italiano dei 10.000 Yeman Crippa (Fiamme Oro) e il recordman di maratona Eyob Faniel (Fiamme Oro), sarà anche la location del raduno dei marciatori e dei mezzofondisti veloci. C’è invece Grosseto per gli allenamenti dei lanciatori (nella vicina Castiglione della Pescaia il martello): tra loro il primatista italiano indoor del peso Leonardo Fabbri (Aeronautica) e l’oro del disco all’Universiade di Napoli Daisy Osakue (Fiamme Gialle). Il bronzo mondiale della 50 km di marcia Eleonora Giorgi (Fiamme Azzurre) si allenerà a Vipiteno (Bolzano) dal 17 luglio all’8 agosto. Per tutti, è l’occasione per mettere a punto la preparazione in vista degli appuntamenti del 2020, con lo sguardo comunque rivolto al prossimo anno e alla stagione olimpica di Tokyo.

Ti potrebbe interessare:

L’overtime é ancora fatale alla Migross Asiago: anche all’Odegar passa il Lubiana

Redazione

As Vicenza dopo aver espugnato Bolzano aspetta domenica Sarcedo nel derby

Redazione

Giro d’Italia 2021: venerdì 23 aprile la presentazione on line delle tappe venete

Redazione

Lascia un commento