21.5 C
Vicenza
5 Luglio 2020
SPORTvicentino
Primo Piano Slider Varie

I 40 anni di “servizio” del Panathlon di Bassano a favore del territorio

Panathlon di Bassano

Il Panathlon di Bassano del Grappa compie 40 anni e, pur in un periodo particolarmente difficile, vuole celebrare l’importante compleanno con una serie di iniziative benefiche.
Già, perchè nel pieno rispetto del motto del club “ludis iungit” (lo sport unisce), il sodalizio oggi presieduto da Alberto Calsamiglia scende in campo a favore di chi è in difficoltà, ancora di più dopo l’emergenza da Covid-19 che ha messo in ginocchio l’economia del Paese e, di conseguenza, moltissime famiglie.
Ecco, dunque la decisione di devolvere la quota delle cene conviviali saltate in questi mesi di lockdown a favore delle case di riposo della provincia grazie all’iniziativa PensACI promossa da ACIVicenza e subito sposata dal Panathlon.
“Sono stati raccolti complessivamente oltre 85 mila euro – sottolinea Calsamiglia – di cui più di 10.000 andranno per le strutture di Bassano. Inoltre, promuoveremo una raccolta di tappi di sughero in collaborazione con “tappodivino”: l’obiettivo è di raggiungere circa 40 metri cubi per finanziare alcune onlus operanti in ambito oncologico tra cui i Dynamo camp, che in Toscana ospitano ogni anno circa 1800 bambini malati cercando di far ritrovare loro il sorriso”.
“Sono partita diversa anni fa da sola – racconta Roberta Masat, presidente di “tappodivino” – e oggi ho 350 volontari che mi aiutano in questo progetto che ci permette di salvare milioni di tappi (21 milioni finora!) dalle discariche e darci così l’opportunità di convertire i nostri sogni in realtà costruttive”.
Perchè, come ricorda il governatore dell’Area1 del Panathlon, Giuseppe Franco Falco, è nello statuto dell’associazione, nata a Venezia il 12 giugno 1951 (ndr. tra i fondatori anche il compianto conte Paolo Marzotto) e oggi presente in 24 nazioni, tra cui l’Italia è quella che fa toccare i numeri più importanti a cominciare proprio dall’Area1 con 22 club e quasi 800 soci, essere vicina ai service e promuovere l’etica sportiva, con un fermo no al razzismo e al doping, esaltando al contrario il fairplay a livello sportivo e civile ed incentivando il movimento, come dovere per i genitori e diritto per i figli a praticarlo.
Dunque, l’appuntamento ufficiale è per il 15 settembre in cui verrà festeggiato il quarantennale del Panathlon di Bassano del Grappa, anche con una pubblicazione speciale, curata dal vice presidente Andrea Minchio, che sarà una sorta di raccolta di articoli in maniera antologica, dal 2003 ad oggi, ed un affresco della civiltà dello sport del territorio.
Nel frattempo sabato ci sarà il ritorno alle conviviali, con un pranzo sul Monte Grappa, in mezzo alle trincee, con la presenza del campione mondiale di aeromodellismo, in una sorta di messaggio di speranza e di normalità.
“Conosco bene il Panathlon – aggiunge l’assessore allo sport Mariano Scotton – un’associazione che premia la valenza dell’attività sportiva anche legata al mondo della scuola. So bene anche quanto lavora a favore della disabilità. E complimenti ancora per i risultati raggiunti in tutti questi anni”.
Complimenti condivisi dal sindaco Elena Pavan presente alla conferenza stampa andata in scena in sala consiliare e a cui è intervenuto tra gli altri anche Marco Gasparotto, presidente del quartiere Ventro storico: “Ci prendiamo cura delle famiglie in difficoltà – ha concluso – e ringraziamo il Panathlon per la donazione di mille euro in un momento di particolare emergenza in cui abbiamo cercato di essere vicini con la distribuzione di generi alimentari, vestiti, giocattoli per i bambini e quanto potesse essere utile, nello spirito dell’unione dei quartieri, cercando di ottenere sempre più forza assieme”.

Ti potrebbe interessare:

ARBITRI – Massimo Biasutto è il nuovo presidente regionale

Redazione

MOTORI – Anche il Team Bassano si rimette in moto

Redazione

Scarica SPORTvicentino di venerdì 3 luglio 2020

Redazione

Lascia un commento