13 C
Vicenza
25 Ottobre 2020
SPORTvicentino
ACI Primo Piano Slider

Al Liceo Paolo Lioy l’atto conclusivo della “Strada giusta”

Si sono svolte, nella palestra del Liceo Paolo Lioy, le premiazioni dei vincitori del progetto “La strada giusta”, promosso da ACI Vicenza in collaborazione con la Prefettura e l’Ufficio scolastico territoriale.
Ad aggiudicarsi il premio speciale il video di Mattia Guerra, Carlo Crivellaro e Tiziano Vicariotto (4BS) con la collaborazione di Denis Gasparini (Istituto agrario di Padova).
A fare gli onori di casa il dirigente del Liceo Lioy Domenico Caterino affiancato dal suo vice Giannino Bonora e dall’insegnante di Scienze motorie che ha seguito da vicino il progetto, Raffaella Scandale.
Per l’Ufficio scolastico territoriale erano invece presenti il dirigente Carlo Alberto Formaggio e Annamaria Cardi.
A rappresentare ACI Vicenza il direttore Gian Antonio Sinigaglia che ha portato i saluti del presidente Luigi Battistolli assente per motivi di lavoro, Emiliano Barban (Commissione sicurezza stradale) e Sergio Maistrello, insegnante ed istruttore di Autoscuole ACI Ready2go Vicenza che ha seguito “La strada giusta” fin dalle primissime edizioni.
“Per noi il premio promosso dall’ACI è un motivo d’orgoglio e ringraziamo innanzi tutto i ragazzi che hanno lavorato a questo progetto – esordisce il vice preside Giannino Bonora – Del resto queste sono attività che non servono a completare la formazione, bensì ne fanno parte integrante e preparano gli studenti alle scelte future e alla vita.
“Sono al Liceo Lioy solo da quest’anno ma mi sono affezionato subito con grande cuore ad una realtà che fa trasudare la voglia di far bene, con ragazzi bravissimi che ci regalano soddisfazioni in continuazione – aggiunge il dirigente scolastico Domenico Caterino – D’altro parte il fatto di ritrovarci qui rappresenta uno di quei piccoli – grandi semi di speranza dopo il periodo di sospensione dovuto all’emergenza Covid-19. Ricordo ancora il senso di inquietudine, misto a grande tristezza, nell’entrare a scuola in quei mesi di silenzio e non sentire il vociare dei ragazzi, che sono la parte centrale del fare scuola e di cui sono particolarmente orgoglioso. Un grazie va ad ACI Vicenza per l’iniziativa che mi tocca particolarmente. Ho avuto, infatti, un fratello di 24 anni morto in un incidente stradale, di conseguenza ben vengano le sollecitazioni che portano i giovani a riflettere su aspetti fondamentali della vita quali la sicurezza quando si è al volante perchè proprio il valore della vita ed il rispetto delle regole devono essere fondamentali ed il ruolo della scuola deve essere anche questo”.
“Ho un legame particolare con il Lioy – sottolinea il dirigente dell’Ufficio scolastico territoriale Carlo Alberto Formaggio – perchè venendo da Noventa Vicentina il suo liceo é nato come sede staccata proprio del Lioy. Ai ragazzi dico di usare bene i progetti come “La strada giusta” che mi ha visto coinvolto fin dalle sue prime edizioni anche perchè, purtroppo, ho perso un fratello, in un incidente, travolto da un camion, mentre tornava a casa dal suo ultimo esame all’università di medicina. E’ un progetto unico in Italia, che coinvolge una serie di istituzioni e associazioni che lavorano assieme per la sicurezza stradale, riconosciuta come cittadinanza attiva e che gli studenti potranno portare come materia all’esame di Stato. Al di là di questo é il significato che vogliamo dare ad un’iniziativa che è forte nella provincia di Vicenza e che dobbiamo allargare ancora di più, pur nel momento difficile che stiamo vivendo”.
La parola alla professoressa Raffaella Scandale: “Innanzi tutto sono orgogliosa di essere un’insegnante del Lioy e sono fiera dei miei ragazzi che mi regalano sempre grandi soddisfazioni mettendo grande impegno e dimostrando di avere una marcia in più con la loro creatività ed entusiasmo. Credo molto nel messaggio di questo progetto, che negli ultimi tre anni ci ha visto sempre sul podio, innanzi tutto educativo”.
A rappresentare ACI Vicenza il direttore Gian Antonio Sinigaglia, che ha portato i saluti del presidente Luigi Battistolli, assente per motivi di lavoro, leggendone un messaggio.
“Ed eccoci giunti alla “bandiera a scacchi” della “Strada giusta, progetto che Aci Vicenza insieme con la Prefettura e l’Ufficio scolastico territoriale abbiamo fortemente voluto e che, edizione dopo edizione, fino ad arrivare a questa sesta, ha coinvolto in maniera sempre più partecipata le scuole superiori della nostra provincia.
Pur nell’impossibilità di essere presente oggi alle premiazioni vorrei esprimere i miei più sinceri complimenti ai ragazzi del Liceo Lioy che sono risultati vincitori congratulandomi nello stesso tempo con tutti i partecipanti.
Un grazie va al Prefetto e all’Ufficio scolastico territoriale, partner preziosi in questa iniziativa e a quanti hanno collaborato per la migliore riuscita pur nell’emergenza da Covid-19 che ha segnato questa edizione e che ci ha impedito di organizzare la cerimonia conclusiva a cui avrebbe dovuto partecipare tra gli altri anche Alex Zanardi.
E proprio a questo grandissimo campione é rivolto in questo momento il nostro pensiero: all’atleta plurimedagliato, ma soprattutto all’uomo che ha saputo mostrare al mondo la forza di rialzarsi dopo il terribile incidente automobilistico e iniziare un nuovo percorso fatto di coraggio, forza di volontà e sacrificio che sono poi le doti che ti portano a vincere nello sport e, soprattutto, nella vita.
Un insegnamento che deve condurci a guardare sempre con rinnovata fiducia al futuro e, nello stesso tempo, a lottare per i nostri ideali e ad imboccare quella che deve essere tutti i giorni la… Strada giusta!”
Presente sempre in rappresentanza dell’ACI Vicenza quale membro della Commissione sicurezza stradale, nonchè presidente della FMI, Emiliano Barban: “Vorrei ringraziare i ragazzi per l’impegno che hanno dimostrato lanciando un messaggio importante ai loro coetanei. Io dico sempre: a scuola si può sbagliare e si può rimediare, ma un errore sulla strada può essere fatale e gli esempi ci arrivano tutti i giorni”.
Tra le persone coinvolte in maniera diretta dal progetto Sergio Maistrello, istruttore delle Autoscuole Ready2go, che ha partecipato a tutte le edizioni de “La Strada Giusta”: “Se con queste iniziative riusciremo a salvare anche solo una vita vuol dire che il nostro non è stato tempo sprecato”.
Ultimi ma non ultimi i ragazzi premiati per il loro video: “Non mi aspettavo certo di vincere – ci dice Mattia Guerra – ma ci piaceva l’idea di partecipare visto che io poi sono appassionato di fotografia e insieme con Denis Gasparini, bravo nei video, ho montato assieme le idee di Carlo Crivellaro e TizianoVicariotto creando un qualcosa che fosse d’impatto e coinvolgente, anche grazie alla scelta della musica, un brano di musica classica, ma interpretato in maniera moderna”.
Aggiunge Carlo Crivellaro, che ne è stato attore: “Credo che sia stata premiata la nostra originalità – conclude – anche se in realtà non sono un grande appassionato di motori. Tuttavia tutti gli incontri organizzati dal progetto “La strada giusta” sono stati molto interessanti e formativi”.

Ti potrebbe interessare:

A Costabissara gran finale per i Campionati regionali di tennis di Terza categoria

Redazione

Rinviata la prima giornata di campionato di basket maschile di serie B

Redazione

Un Vicenza “audace” castigato all’ultimo da una SPAL cinica

Redazione

Lascia un commento