18.5 C
Vicenza
29 Marzo 2020
SPORTvicentino
Primo Piano Varie

Arriva il “paracadute sociale” per chi lavora o collabora nel mondo dello sport

Ecco la lettera del segretario vicentino di SLC Cgil Roland Cappozzo ai lavoratori in difficoltà del settore sportivo: sia ai dipendenti sia ai collaboratori delle società sportive.

“Cara lavoratrice caro lavoratore, collaboratrici e collaboratori dello Sport, in questi giorni drammatici per il paese, molti di voi debbono fare i conti con la sospensione della propria attività lavorativa e professionale, e conseguentemente con un’importante contrazione del proprio reddito.

Le informazioni che vogliamo qui fornirvi riguardano i contenuti del decreto del consiglio dei ministri del 17 marzo che prevedono interventi specifici a sostegno di chi opera e lavora  in questo settore.

Nei giorni che hanno preceduto la definizione di questo decreto  siamo intervenuti per veder riconoscere forme di sostegno al reddito anche a chi come voi lavora nello sport.

Siamo riusciti nell’intento, per niente scontato, di far inserire una norma a vostra tutela proprio  allargando la possibilità  della cassa integrazione in deroga alle associazioni sportive  e alle società sportive dilettantistiche, e riconoscendo una indennità alle collaborazioni, c.d. sportive, remunerate con il compenso sportivo. E’ la prima volta che accade.

Ecco le informazioni più importanti.

1) per coloro che ricevono compensi da collaborazioni sportive:

per chi ha in essere rapporti di collaborazione con società sportive dilettantistiche il decreto prevede, per il mese di Marzo, un’indennità forfettaria di 600 euro esclusivamente per coloro che non hanno altri rapporti di lavoro. Non sono ancora definite le modalità per procedere alla richiesta e neppure le modalità con cui saranno erogate. Un decreto attuativo dovrà essere definito entro 15 giorni a partire dalla pubblicazione del decreto di cui provvederemo a dare tempestiva informazione.

2) Per i lavoratori dipendenti:

I lavoratori dipendenti di società sportive professionistiche e dilettantistiche, e di tutte le società e aziende che operano nello sport e nella gestione degli impianti, che siano sospesi dal lavoro hanno diritto alla cassa integrazione in deroga previo accordo che può essere concluso anche in via telematica con le OO.SS. comparativamente più rappresentative.

Non esitare a contattare le nostre strutture territoriali a cui potrai rivolgerti per iscriverti al sindacato ed essere supportato negli adempimenti necessari per ricevere gli ammortizzatori non appena saranno note le linee guida operative.

Per saperne di più il segretario generale della SLC Cgil Ronald Cappozzo risponde al numero 348 150 1522.

Ti potrebbe interessare:

CALCIO – Rigoni in biancorosso fino al 2022

Redazione

RUGBY – Campionati finiti senza titoli, promozioni e retrocessioni

Redazione

#iorestoacasa – Scarica SPORTvicentino di venerdì 27 marzo 2020

Redazione

Lascia un commento