11 C
Vicenza
12 Novembre 2019
SPORTvicentino
Pallavolo Primo Piano

L’opposto Covino torna in campo con l’Anthea Volley Vicenza

VOLLEY – SERIE B1 FEMMINILE – Clarissa Covino, classe 2001, alta 182 cm, gioca nel ruolo di opposto nelle fila di Anthea Volley Vicenza col numero 7.

Nata e cresciuta a Pontedera in provincia di Pisa, ha scelto la pallavolo a sei anni per passione: “Ho cominciato ad amare questo sport guardandolo in tv”. Per i primi anni ha giocato a Pontedera, nel Volley Bellaria, arrivando a far parte anche della squadra in serie B2. Poi ha seguito il suo allenatore nel trasferimento a Firenze, alla società Volley Pontemediceo: il primo anno (tre stagioni fa) ha giocato in serie C e in U18 mentre il secondo in B2 e U18. L’anno scorso Clarissa si era trasferita all’Argentario Volley Trento disputando il campionato di B2 e U18. Da quest’estate è al Volley Vicenza e frequenta il quinto anno al Liceo scientifico statale “Paolo Lioy”.

– Una bella soddisfazione essere arrivata a giocare in B1?

“Giocare finalmente in B1 è una grande soddisfazione: è il primo anno in questo campionato e mi impegnerò a massimo per raggiungere i miei obiettivi di crescita!”

 

– Quest’anno, però, hai vissuto un inizio di campionato tribolato anche per l’infortunio…

“Adesso sto riprendendomi e da venerdì scorso mi allenano a pieno ritmo tanto che sabato sono scesa in campo contro l’Offanengo. Per quanto riguarda il decorso post frattura, fortunatamente sta andando tutto per il meglio”.

 

– Come ti trovi nel gruppo di Anthea Volley Vicenza capitanato da Flavia Assirelli?

“Il nostro gruppo è molto unito: mi trovo bene con le compagne e con lo staff. Potremo toglierci tante soddisfazioni allenandoci e restando unite come stiamo facendo”.

 

– E con l’allenatrice Mariella Cavallaro? Il GM Luca Milocco mi sembra molto contento delle tue performance sportive

“Con Mariella mi sto trovando bene: agli allenamenti lavoro duro e mi impegno al massimo e lei mi aiuta molto con la tecnica e con il gioco visto che sono ancora giovane e ho bisogno di imparare. Anche Luca è un punto di riferimento in società, sia per il suo ruolo, sia per la sua esperienza in campo: mi sta dando una grande mano!”

 

– E veniamo al campo: avete faticato a ingranare nelle amichevoli per la poca pratica in precampionato nel 6 vs 6. Bene l’esordio a Trento, bene anche contro il forte Imoco San Donà. Peggio con Offanengo nel risultato, ma si vede che avete cominciato ad ingranare…

“Sì, non nascondo che non avendo potuto mettere in pratica il 6 vs 6 sin dall’inizio, è diventato più difficile scendere in campo. Sono mancate determinate sicurezze negli automatismi di gioco e i ritmi. Ma piano piano stiamo migliorando.

Abbiamo fatto bene all’esordio contro Trento e pure nelle altre due partite nonostante il risultato negativo.

Con San Donà abbiamo lottato come del resto contro Offanengo, perdendo un po’ di lucidità in alcuni momenti. Comunque si vedono l’impegno, la voglia di vincere e la forza della squadra che ha grandi margini di miglioramento!”

– A Vicenza ci si attende molto da te Clarissa: del resto il tuo ruolo, quello dell’opposto, è importante per finalizzare il gioco

“Anche io mi aspetto di crescere molto e di fare bene a Vicenza!

Ai nostri tifosi ricordo che, dopo la partita ad Udine, giocheremo in casa contro il Giorgione sabato 16 novembre alle 20,30 al palasport e mi aspetto che vengano a sostenerci numerosi!”

Ti potrebbe interessare:

Scuderia Palladio Historic: Grande Corsa da dimenticare

Redazione

8° Memory Fornaca: trionfo per “Lucky” e Fabrizia Pons

Redazione

Vicenza Calcio Femminile: tre punti che valgono oro

Redazione

Lascia un commento