14.6 C
Vicenza
22 Ottobre 2019
SPORTvicentino
L.R. Vicenza Virtus Primo Piano uncategorized

La diretta di LR Vicenza – Cesena 2-1

LR VICENZA – Grandi, Bruscagin, Padella, Cappelletti, Barlocco, Vandeputte, Rigoni, Zonta, Giacomelli, Guerra, Marotta. Allenatore: Domenico Di Carlo
CESENA – Agliardi, Giraudo, Brignani, Valencia, Franchini, Ciofi, Franco, Sarao, Zecca, Sabato, Borella. Allenatore: Francesco Modesto
Arbitro: Alberto Santoro di Messina (assistenti: Bruni di Brindisi e Laudato di Taranto)

Marcatori: 20′ rig. Sarao (C), 29′ Vandeputte (V), 51′ rig. Giacomelli (V)

Spettatori: 9.358 (abbonati 7.525) per un incasso di 71.306 euro.

E’ il Menti delle grandi occasioni quello che si presenta, sotto i riflettori televisivi di Rai Sport, per il posticipo tra Vicenza e Cesena.
Curva sud gremita e distinti sono un bel colpo d’occhio per una sfida tra due tifoserie accese da una fiera rivalità.
Pronti, via con Di Carlo che in difesa ritrova Bruscagin mentre a centrocampo sostituisce lo squalificato Cinelli con Vaandeputte. In avanti ad affiancare bomber “barba” Marotta è Guerra che, nelle intenzioni tattiche di provare a giocare in profondità, sembra avere le caratteristiche giuste.

Dopo un primo quarto d’ora di studio al 18′ bel pallone immesso in mezzo da Vandeputte, ma nessuno dei compagni é pronto alla deviazione in porta.

Sul capovolgimento di fronte, con la difesa biancorossa scoperta, va via in velocità Zeccato che, una volta entrato in area, viene contrastato da Bruscagin.

Per l’arbitro é calcio di rigore che Serao trasforma nonostante Grandi si fosse buttato dalla parte giusta.

Prova a reagire il Vicenza con una doppia conclusione di Vandeputte, prima ribattuta e più alta sopra la traversa. Il Cesena, come aveva ammonito lo stesso Di Carlo, é pronto a ripartire. Al 26′ ci prova Franchini: blocca a terra il portiere di casa.

Tre minuti più tardi il pareggio del Vicenza: va al tiro Luca Rigoni, respinge il portiere Agliardi, il pallone viene ripreso da Vandeputte che insacca facendo esplodere il Menti.

Da qui alla fine del primo tempo nessun altro brivido con le squadre che rientrano negli spogliatoi sul risultato di 1-1.

Inizia la ripresa ed arriva subito il vantaggio biancorosso: al 5′ va via centralmente Giacomelli che, entrato in area, cade nel contatto con Franco. Anche in questo caso l’arbitro Santoro non ha dubbi nell’indicare il dischetto del rigore su cui si presenta lo stesso numero 10 del Vicenza nonostante l’errore commesso contro la Vis Pesaro. Questa volta, però, l’esecuzione é impeccabile e vale il 2-1 con tripudio sotto la curva sud.

Al 20′ ci prova da posizione centrale Marotta: nessun problema per Agliardi. E’ invece la traversa a dire di no alla bella penetrazione in area di Vandeputte.

Triplo cambio per Modesto che mette dentro Butic, Zerbin e Rosaia per Borello, Franchini e Valencia.

Di Carlo risponde con Pontisso e Arma al posto di Rigoni e Guerra, entrambi in ombra.

Il tecnico di casa inserisce anche Tronco per un Vandeputte ormai stremato. Sul fronte cesenate fuori l’ex Giraudo sostituito da Valeri.

Ultima mossa sulla panchina berica con Zarpellon al posto di Giacomelli, probabilmente il migliore in campo.

Cinque i minuti di recupero e poi esplode la festa biancorossa.

Il Vicenza batte anche il Cesena continuando nella sua striscia positiva in vista della trasferta di domenica a Piacenza.

Ti potrebbe interessare:

Dopo il ko di Supercoppa i Diavoli chiamano e Roffo risponde sì

Redazione

Crisi Roller: si salva solo capitan Pelva

Redazione

Stop casalingo per il Sorelle Ramonda Ipag Montecchio Maggiore

Redazione

Lascia un commento