14.6 C
Vicenza
22 Ottobre 2019
SPORTvicentino
Motori Primo Piano Rally

RALLY – Scalabrin si riconferma campione

Al Rallye Elba, al detentore del titolo, in coppia con Giulia Paganoni, è sufficiente il risultato di gara 1 per riconfermarsi vincitore della Serie dedicata alle A112.
Tanti i colpi di scena e gara 2 vinta da Sisani e Pollini Romano d’Ezzelino (VI), 22 settembre 2019 – E’ bastata “Gara 1” corsa nella prima tappa del
Rallye Elba Storico per emettere il primo verdetto del Trofeo A112 Abarth Yokohama 2019: Raffaele
Scalabrin e Giulia Paganoni sono i vincitori della classifica assoluta, un risultato che bissa quello dello
scorso anno per il giovane pilota vicentino e regala alla navigatrice varesina, la soddisfazione di un
meritato successo al suo primo anno “a tempo pieno” nei rally.
Suddiviso come da tradizione in “Gara 1” e “Gara 2”, il rally elbano ha vissuto tre giornate movimentate ed avvincenti, costellate di colpi di scena: Giorgio Sisani e Cristian Pollini partono decisi con quattro scratch consecutivi ma poi fermati dalla rottura di un braccetto. Problemi anche per Massimo Gallione e Vincenzo Torricelli che vengono messi fuori gioco da un problema alla
trasmissione mentre erano secondi, imitati più tardi da Nicola Cazzaro e Giovanni Brunaporto. La prima frazione si chiude con la vittoria di Scalabrin e Paganoni, che porta loro anche la certezza del titolo; ottimi secondi sono Giacomo Domenighini ed Annalisa Vercella Marchese e il primo podio lo completano Marcogino Dall’Avo e Manuel Piras. Seguono poi Giancarlo Nardi e Paola Costa, Francesco Mearini con Massimo Acciai, quinti, e Fabio Vezzola col locale “Lo Ciao sesto; Luca
Bernardi e Matteo Gambasin sono settimi e precedono Giampaolo Cresci che con Emanuele Mischi e
Giuseppe Cazziolato che, navigato da Giancarlo Nolfi, chiude la classifica.
“Gara 2” diventa una passerella per Scalabrin e Paganoni ma, come da sempre nel Trofeo, la vittoria
è cosa ambita anche da chi è tagliato fuori dai giochi: lo dimostra la sfida ingaggiata da Sisani e Gallione che si aggiudicano due prove a testa e chiudono staccati di 1″6 a favore del perugino, già vincitore del Trofeo nel 2011 e 2014. Scalabrin bada a limitare i danni e si piazza terzo precedendo
Cazzaro; Nardi e Costa sono quinti davanti a Domenighini e Vercella, mentre settimi chiudono Dall’Avo e Piras che precedono Mearini con Acciai, Vezzola e “Lo Ciao” e Cresci che con Mischi chiude la top ten; undicesimi ed ultimi dei classificati, chiudono Bernardi e Gambasin. Ritirato Cazziolato.
Gara da dimenticare per Paolo Raviglione ed Alessandro Rappoldi traditi una volta di più dal cambio
nel corso della prima speciale e anche per Nicola Tonetti con Rocco Pempori e Gianni Regini con Simone Lupi, fermi già nel prologo del giovedì sera.
Chiusi i giochi per la prima posizione, la matematica tiene ancora in gioco per la seconda, Cazzaro, Fiora e Domenighini e almeno altri quattro piloti per il gradino più basso del podio. Da assegnare anche le classifiche “Under 28”, “Vintage” e “Gruppo 1”: ad emettere i verdetti definitivi sarà il Rally Storico Costa Smeralda in programma a Porto Cervo il 18 e 19 ottobre prossimi.

Ti potrebbe interessare:

Dopo il ko di Supercoppa i Diavoli chiamano e Roffo risponde sì

Redazione

Crisi Roller: si salva solo capitan Pelva

Redazione

Stop casalingo per il Sorelle Ramonda Ipag Montecchio Maggiore

Redazione

Lascia un commento