12.1 C
Vicenza
21 Settembre 2019
SPORTvicentino
Pallavolo Primo Piano Slider

Margherita Rosso a Montecchio per lavorare e puntare in alto

Margherita Rosso, torinese, classe 1995, 183 cm, approda in rosso-nero dopo l’esperienza ad Orvieto

Parlaci di te, il tuo carattere, punti di forza e difetti, libro e film preferito, interessi al di fuori della pallavolo…

Mi definirei una ragazza riservata e sensibile. Se incontro ostacoli e difficoltà non mi perdo d’animo, a testa alta affronto la situazione. Non trovo scusanti, sono io a dovermi mettere in gioco per trovare una soluzione. Ho poi fiducia nelle altre persone. Sul campo da gioco la fiducia reciproca tra compagne di squadra è fondamentale. D’altra parte sono piuttosto lunatica e certe volte posso sembrare più chiusa e scontrosa. In realtà è proprio questo il momento in cui mi guardo dentro per lavorare su me stessa. Leggo un po’ di tutto, specialmente i gialli. l’ultimo libro che ho letto e apprezzato sì intitola “La fine è nota” di Geoffrey Holiday Hall. Anche per i film non ho un genere preferito, ma una trilogia che non posso non citare è quella de ” Il signore degli anelli”. Oltre alla pallavolo adoro cucinare; mi piace cercare gli ingredienti giusti per sperimentare sempre nuove ricette.

Sappiamo che oltre alla pallavolo sei impegnata nello studio per diventare nutrizionista. Qual è il tuo rapporto con il cibo? Il tuo piatto preferito?

Sì, sono al primo anno di magistrale per diventare nutrizionista. Mangio di tutto, mi piace variare alternando spesso gli alimenti, abbinandoli in modo diverso. Evito cibi industriali e confezionati, preferisco partire dalla materia prima. La verdura è sempre presente nella mia dieta. Un cibo a cui non potrei rinunciare? La pizza credo, ma è veramente difficile scegliere.

Sempre a proposito di nutrizione, quale consiglio daresti a chi si vuole mantenere in forma?

E’ difficile dare un consiglio unico per tutti, l’alimentazione è estremamente soggettiva. Sicuramente per mantenersi in forma bisogna avere costanza nel mangiare sano, alimenti non troppo elaborati, ricchi di condimenti o confezionati e industriali, non esagerando con i dolci. Poi ritengo sia sempre importante abbinare una buona attività fisica ad una alimentazione corretta, cercando di contrastare la sedentarietà.

Come hai trascorso la tua estate? Ti mantieni in esercizio anche nei momenti di pausa?

Anche durante il periodo estivo è importante non smettere di allenarsi. Questa estate mi sono dedicata alla attività in palestra assegnataci dal preparatore. Inoltre nelle due settimane che ho trascorso al mare ho nuotato molto, anche perché mi piace tantissimo.

Dal 2012 al 2014 hai giocato in A1 a Villa Cortese e a Forlì e poi tra B2 e B1 a Forlì, Pisogne e Orvieto…cosa ti aspetti da q
uesto nuovo campionato di A2?

Siamo un gruppo giovane. Spesso questo può essere un punto di forza. Mi aspetto una squadra che abbia voglia di collaborare, con tanta voglia di fare ed allenarsi bene. In questo modo sono sicura si potranno raggiungere grandi risultati.

Ti potrebbe interessare:

La Coppa Collecchio primo successo in U23 per Edoardo Francesco Faresin

Francesco Brasco

A Torri e Marola la Collaboration Cup 2019 di pallavolo giovanile con Volley Vicenza Academy

Francesco Brasco

Colombo vuole una reazione dell’ArziValchiampo domani col Sudtirol

Francesco Brasco

Lascia un commento