A Caldiero taglia il traguardo il veneziano Marchiori

GIRO DEL VENETO (Comunicato della Zalf Desiree Fior) – Seconda tappa del Giro del Veneto esplosiva e spettacolare quella che è scattata dalle Terme di Giunone per concludersi a Caldiero (Vr) dopo aver scalato alcune delle più belle salite della Lessinia. A decidere la frazione odierna è stato uno sprint di gruppo ottimamente pilotato dalle maglie della Zalf Euromobil Désirée Fior che hanno lanciato la volata vincente del veneziano Leonardo Marchiori.

Nonostante la fuga di giornata, il caldo e i tanti chilometri in salita, il plotone della maglia rossa si è ricompattato a due chilometri dal traguardo sotto l’impulso degli uomini diretti da Luciano Rui e Gianni Faresin. L’epilogo a ranghi compatti ha sorriso a Marchiori che ha potuto così festeggiare la quarta affermazione stagionale mentre Marco Landi ha concluso in quarta piazza.

Invariata la situazione in classifica generale con Matteo Zurlo ed Edoardo Francesco Faresin che hanno mantenuto rispettivamente la seconda e terza posizione virtuale in attesa delle prossime due frazioni che si concluderanno entrambe in salita: domani con l’arrivo a Monte Berico e sabato con il traguardo posto in quota sull’Alpe del Nevegal.

04/07/2019 – Caldiero (Vr) – Giro del Veneto 2019 – 2 Tappa Caldiero Caldiero km 137,9 – nella foto: Leonardo Marchiori (Zalf Fior) sul podio© Riccardo Scanferla – Photors.it

“Questa vittoria è della squadra che ha fatto un grandissimo lavoro per tenere sotto controllo e per andare a riprendere gli attaccanti di giornata” ha spiegato, dopo il traguardo, un felicissimo Leonardo Marchiori. “Non era una frazione facile ma siamo riusciti a tenere il gruppo compatto affrontando le salite con un passo regolare, poi nel finale abbiamo ripreso gli ultimi fuggitivi a due chilometri dal traguardo e a quel punto ho capito che avrei avuto l’occasione per lasciare il segno in questo Giro del Veneto e ho dato il massimo per riuscirci”.

Soddisfatto del successo odierno anche il ds Gianni Faresin: “Ieri e oggi abbiamo corso da squadra: a Montegrotto, purtroppo, abbiamo trovato un uomo più veloce mentre oggi i ragazzi non hanno sbagliato nulla riuscendo a lanciare nel migliore dei modi lo sprint di Marchiori. Ora ci attendono due tappe molto impegnative nelle quali tenteremo di fare il possibile per andare a caccia della maglia rossa di leader della classifica generale anche se il bilancio, sino ad ora, è estremamente positivo per noi”.

Un successo che riscatta il doppio podio ottenuto ieri sul traguardo di Montegrotto Terme (Pd) da Zurlo e Faresin e che conferma il tricolore Marco Frigo al comando della classifica dei giovani, contraddistinta dalla maglia bianca Selle Italia.

Lascia un commento