16 C
Vicenza
6 Ottobre 2022
SPORTvicentino
Calcio a 5

Vicenza C5 si conferma, in casa solo vittorie

vicenza-c5-quattro vittorie in casaI biancorossi sconfiggono il Mezzolombardo con un 6-2 di personalità, dopo un ottimo primo tempo sul 5-1. Quarta vittoria su quattro al Palavillanova. Mattatore Franceschini con una doppietta, a bersaglio anche “Koko” e Moscoso. Esordio nel referto marcatori per Zeppa e Novek al rientro, Feltre debutta in B. All’exploit della prima squadra contro i trentini non fanno eco Under 21 e Juniores che perdono due derby proibitivi al cospetto di Cornedo e Arzignano

La verità sta nel… mezzo. E lo conferma il match vittorioso sul Mezzolombardo. Il Vicenza non è una squadra di fenomeni solo quando gioca in casa né un quintetto di “scarsi” quando si esibisce – si fa per dire – in trasferta, dove ha finora raccolto un punticino al debutto e poi tre ko di fila. Di certo si trova più a suo agio sul parquet del Pallavillanova, catino-amuleto che registra la quarta vittoria su quattro e (ri)lancia il team ai piedi del podio, in zona playoff, e in “area Coppa Italia”.

Un 6-2 rotondo contro un Rotal Five partito al 1′ a pari punti e attardato di tre invece allo scadere del 40′, in un sabato in cui tutto è girato a dovere nel clan berico, bravo ad assorbire le assenze di Del Gaudio e Zuccon, con il tecnico Candeo ad attingere con più polpa e soddisfazione ai suoi giovani testati in questa prima fase. Un Vicenza che di fatto ha chiuso il capitolo già all’intervallo, dopo un 5-1 frizzante e concreto quanto basta, e che nella giornata vincente si gusta dei successi “extracampo”, come la prima perla in B del 17enne Zeppa, il ritorno dopo 6 mesi di Novek con tanto di gol-lampo, e l’esordio in B di un altro ragazzo (Feltre) che insieme a Boateng (vicinissimo anche lui al gol sul finire di primo tempo) e Panarotto ha dato il suo contributo alla causa biancorossa.

Piccolo broncio a fine gara per Aalders, che si accontenta – e ci mancherebbe! – di una tripletta di assist per mandare a segno Zeppa e Novek dopo tanti tiri verso la porta: anziché un gol personale per stavolta dedica alla madre Agnes – presente in tribuna dall’Olanda – la vittoria della sua squadra e una prestazione maiuscola da assistman.

Al fischio d’inizio si affrontano due neopromosse a pari punti dopo un più che discreto avvio di campionato. Vicenza che presenta stavolta Casarotto tra i pali e stavolta per tutto l’incontro. Nello starting Five anche Aalders e proprio lui dopo 30” sfiora la correzione sottomisura, poi ci prova Kokorovic di punta, palla in corner. Vicenza subito volitivo e al 3′ da schema di fallo laterale Moscoso si fa trovare libero sul palo secondo per segnare ed esultare: 1-0. Casarotto para bene al 4′, pareggio negato con prontezza, ci riprovano i biancorossi: al 9′ Aalders arpiona palla, parte in slalom speciale e serve a Zeppa l’inno alla gioia per il primo centro da “ometto”, in solitudine davanti al guardiano ospite.

Il raddoppio fa mettere la freccia ai padroni del Pallavillanova, e appare un fuoco di paglia la risposta dei trentini. Scalet accorcia su rigore dopo una scivolata “robusta” in area sanzionata con la massima punizione, Fratacci becca una traversa ma dopo il doppio imbarazzo il Vicenza riprende in mano mappa e bussola e ritrova la via del gol. In vetrina i veterani berici in questa fase: Franceschini da fuori piazza il tris all’11’, Kokorovic fa quaterna su calcio angolo con appoggio astuto al 15′ e poi il “piccolo” gigante d’origine serba serve su piatto liscio la cinquina al capitano che ringrazia meno di un minuto dopo. Ospiti tramortiti, e sul finire della prima frazione due chance per il giovane Boateng, rete esterna per lui sulla seconda e gol sfiorato.

Nella ripresa il Rotal Five reagisce, va dato atto ai trentini di provarci con generosità, ma solo d’orgoglio e impeto, poco lucidità e rapidità nella manovra. Casarotto in spaccata salva su Fratacci (3′) nella prima occasione occorsa sui piedi mezzolombardi, ma sono ancora più nitide le palle-gol capitate a Zeppa in doppia ribattuta dopo un tiro respinto a Kokorovic. Sestina sfiorata insomma, ospiti carichi di falli già al 10′ ma a segno su puntata infida di Scalet, poi Casarotto portiere di… casa si esalta al 12′ e 13′ negando il tris, e subendo anche un fallo che sarebbe valso il tiro libero, assegnato però come punizione indiretta in barba al regolamento dopo il contatto sul portiere vicentino.

Poco male, perchè c’è subito da applaudire una pagina quasi da favola per i vicentini: si rivede in pista Novek, da un mese ritronato a sudare dopo un intervento ad un piede la scorsa estate, e dopo forse meno di 15” dal suo ingresso si ritrova ad abbracciare Aalders che dal fondo sinistro offre un assist al bacio: l’italo-americano arriva in picchiata mettendo la zampata al volo del 6-2 al 14′. Girandola di cambi nei 5′ finali, poi rientra Aalders alla ricerca della stoccata del settebello che tenta più volte ma senza fortuna dopo che lo stesso Novex sfiorava la doppietta personale in tocco sotto sul portiere in uscita.

Campo e debutto in B per l’Under 21 Feltre, alla “prima” nel futsal in questa stagione, il giovane si guadagna yn tiro libero affidato al tulipano, calciato fuori di due dita. Ultima palla da annotare è quella scagliata sul palo da uno dei due Furlan in forza al Rotal Five, ma per il Mezzolombardo il bicchiere è ormai vuoto, mentre il Vicenza C5 brinda per il poker casalingo di vittorie, al primato difensivo del girone C e si concede un cin-cin di buon auspicio in vista del prossimo derby all’orizzonte, sabato prossimo, al Palateatro di Villorba.

VICENZA C5-ROTAL FIVE MEZZOLOMBARDO 6-2 (pt 5-1)

VICENZA C5: Casarotto, Kokorovic, Moscoso, Franceschini, Aalders; Zeppa, Boateng, Panarotto, Novek, Feltre, Saterini, Borgo. All. Candeo.
ROTAL FIVE MEZZOLOMBARDO: Gianordoli, Matteotti, Fratacci, Scalet, Baldessarini; Nuri, Wegher, Stech, Prighel, Nicola Furlan, Simone Furlan, Kadiu. All. Ghezzer.
Arbitri: Lanuti di Modena e Parrella di Cesena.
Reti. Pt: 2’43’’ Moscoso (V), 8’50’’ Zeppa (V), 10’43’’ Scalet su rig. (M), 11’10’’ Franceschini (V), 15’15’’ Kokorovic(V) e 16’08’’ Franceschini (V); st: 10’36’’ Scalet (M) e 13’41’’ Novek (V).
Note. Spettatori 150 circa; amm. Baldessarini e Nuri (M), falli 2-3 e 2-6, t.l. 0/1.

GIOVANILI. Under 21 tenace contro le big venete di categoria, ma dopo la Fenice in Coppa Italia si rivela troppo forte anche il Real Arzignano in campionato, alla sua settima vittoria consecutiva. Terza domenica di fila con derby per la seconda squadra biancorossa, che affronta con determinazione i parietà ma cederà alla fine per 7-4, incassando il secondo “settebrutto” in pochi giorni. Aria di derby anche per l’Under 18 di Zeppa, che il giorno prima ha incrociato il Cornedo con in palio il “primato vicentino” nel girone unico d’èlite, oltre che l’oh issa sul podio. Bella partita a Ospedaletto ma a passare indenni sono i bluamaranto, vincitori per 5-3.

Ti potrebbe interessare:

L’Arzignano C5 festeggia il primo successo casalingo piegando in rimonta Milano

Redazione

L’Arzignano C5 si illude a Villorba: non basta un super Pozzi per conquistare i primi punti

Redazione

L’Arzignano c5 al debutto contro il Villorba. Pablo Ranieri: “In campo a testa alta”

Redazione

Lascia un commento