20.3 C
Vicenza
19 Settembre 2020
SPORTvicentino
Assessorato alla Formazione Varie

Vicenza, centri estivi: proposte da 25 enti e società coordinati dal Comune

centri_estivi_vicenzaL’anno scolastico è agli sgoccioli ed è ormai giunto il momento di pensare ai centri estivi. Anche quest’anno l’assessorato alla formazione del Comune di Vicenza, attraverso l’ufficio sport, coordinerà i centri estivi 2015 organizzati da enti e società, come avvenuto nel 2014 e nel 2013.

“Di anno in anno i centri estivi hanno un successo sempre maggiore – ha sottolineato l’assessore alla formazione Umberto Nicolai che ha illustrato la decisione della giunta di concedere, come di consueto, le strutture comunali per i Centri estivi -. Lo testimoniano il numero delle società che chiedono di utilizzare gli impianti comunali, che da 19 nel 2014 passano a 25, a fonte di una partecipazione in aumento nel 2014. Evidentemente la varietà di proposte incontra l’apprezzamento dei genitori che possono scegliere tra centri estivi dedicati allo sport o ad attività ricreative o teatrali, queste ultime particolarmente apprezzate nella precedente stagione, con attenzione, da parte di alcuni organizzatori, anche a situazioni di disagio sociale; ci saranno centri estivi rivolti anche ai ragazzi della scuola secondaria di primo grado”.

Novità di quest’anno è la richiesta alle società di una quota minima per i costi di gestione dei consumi energetici pari a 5 euro più iva al giorno per le palestre scolastiche e a 10 euro più iva al giorno per i grandi impianti come il Palalaghetto, il Palasport, il Pattinodromo, le Tensostrutture e la Palestra Burci. Rimarranno gratuiti gli impianti scoperti. Le società dovranno inoltre occuparsi delle pulizie.

“Le tariffe previste per gli impianti dati in gestione
non andranno a gravare sui costi sostenuti dalle famiglie per la partecipazione ai centri estivi. Infatti la frequenza settimanale per la sola mattinata costerà mediamente dai 40 ai 45 euro, mentre la giornata intera, compreso il pranzo costerà dagli 80 agli 85 euro circa. Tariffe favorevoli agevoleranno la frequentazione delle Piscine di Vicenza. E’ nostro desiderio che tutti i bambini e i ragazzi siano impegnati durante l’estate scegliendo le attività che preferiscono, in luoghi distribuiti su tutto il territorio e quindi facilmente raggiungibili”.

Per iscriversi ai centri estivi è necessario contattare le società e gli enti organizzatori. Nei prossimi giorni sarà diffuso il volantino con i numeri di telefono, gli indirizzi e-mail oltre che le sedi, le date di svolgimento e le tariffe.

Ti potrebbe interessare:

Andrea Devicenzi fa tappa a Vicenza e incontra il sindaco a Palazzo Trissino

Redazione

A Bassano prende il via il campionato del gioco degli scacchi

Redazione

SPORTeditore cerca commerciali motivati: provvigioni alte!

Francesco Brasco

Lascia un commento