22.2 C
Vicenza
21 Giugno 2021
SPORTvicentino
Calcio a 5

Vicenza C5, via alla final eight di Coppa Italia

Dobrosavljevic e Zucccon dopo il titolo conquistato un anno fa
Dobrosavljevic e Zucccon dopo il titolo conquistato un anno fa

I Campioni d’inverno di serie C1 “spezzano” il campionato e inaugurano il 2015 con l’assalto al trofeo veneto
Venerdì sera ritrovo post festivo e rifinitura in vista dell’esordio in gara secca contro lo Sporting Rossano (21.15)

Vicenza C5, si replica. Proverà ad iniziare l’anno nuovo nello stesso modo con cui si era inaugurato quello vecchio il team biancorosso di Dal Santo, che si prepara a partecipare alla Final Eight di Coppa Italia – fase regionale – di Ponzano Veneto, da sabato e fino (ci si augura in casa berica almeno) al giorno dell’Epifania. Il club del capoluogo vicentino si presenta all’appuntamento da detentore del trofeo 2014 e da prima testa di serie in virtù della leadership a metà dell’opera, desideroso di giocarsi tutte le proprie carte per tentare l’accoppiata e rappresentare il Veneto nel cammino nazionale di Coppa Italia.

I biancorossi sono tutti consci della difficoltà di una kermesse così intensa, con potenziali tre incontri in quattro giornate, in cui conterà soprattutto lo stato di forma del momento. L’obiettivo a tavolino è vivere l’esperienza alla giornata pensando al primo scontro, quello del saturday night che vedrà Dobrosavljevic – sarà lui il capitano in assenza di Radisic – e compagni affrontare il temibile Sporting Rossano. Primo scoglio non semplice da aggirare, d’altronde si sono qualificate per la Final Eight le migliori formazioni del gotha del futsal regionale. Si tratta dell’unico derby berico nei quattro quarti di finale in programma sabato 3 gennaio a Ponzano Veneto, nel Trevigiano, con calcio d’inizio per i bericoboys fissato sabato alle 21.15 al Palacicogna.

Un anno fa il Vicenza C5 – con la denominazione Vicenza AVM Elettonica -, riuscì a trionfare dopo tre battaglie in serie contro Diavoli, Fenice e Sanve Mille in finale. Un successo costruito giorno dopo giorno e con la “maschera” da outsider, una vittoria a sorpresa che poi lanciò Borgo e compagni fino ai quarti di finale a livello nazionale. Stavolta per i beniamini della società berica niente maschere ma un ruolo in prima linea, probabilmente al pari dei veneziani della Fenice, fra le candidate ad alzare al soffitto del Palacicogna la coppa 2015. Tutto dipenderà dalla forma della squadra, come detto, dalla tenuta atletica in considerazione del tour de force per chi proseguirà il cammino, e da quella mentale vista l’inusuale formula da “dentro o fuori” che metterà a dura prova nervi ed esperienza dei giocatori sul parquet, con spettacolo assicurato sugli spalti.

Senza guardare troppo in là, Walter Dal Santo e i suoi uomini, privi del capitano Slaven Radisic per impegni personali, prepareranno venerdì lo scontro con lo Sporting, avversaria battuta in campionato per 6-4 in campo esterno più di tre mesi fa, alla seconda giornata. Fu una partita sempre condotta dai biancorossi nel punteggio ma assai problematica nella prima frazione di gioco, con Peruzzo e compagni capaci di mettere in difficoltà i beniamini berici. Chi la spunterà nel derby fra i quintetti di Dal Santo e Simionato tornerà in pista lunedì nel primo match di finale, sfidando la vincente di Miane-Tibi Rossano alle 14.30.

Ti potrebbe interessare:

L’Arzignano C5 festeggia il primo successo casalingo piegando in rimonta Milano

Redazione

L’Arzignano C5 si illude a Villorba: non basta un super Pozzi per conquistare i primi punti

Redazione

L’Arzignano c5 al debutto contro il Villorba. Pablo Ranieri: “In campo a testa alta”

Redazione

Lascia un commento