16 C
Vicenza
5 Ottobre 2022
SPORTvicentino
Hockey

Hockey, Mondiali U20: Italia perde 4-2 con la Bielorussia

hockey_mondiali_u20_Italia_Bielorussia
Italia – Bielorussia (foto Paolo Basso)

Peccato per gli azzurri che cedono alla Bielorussia con onore; buon gioco in campo e tanta grinta per la squadra di coach Erwin Kostner. Oggi day off.

Il risultato di 4-2 (2-0, 1-1, 1-1)
non rende merito all’Italia che cede sì alla Bielorussia, ma lo fa a testa alta e mettendo in campo la seconda dimostrazione di carattere, dopo quella con la Norvegia. A fine gara, infatti, gli azzurri avranno totalizzato 21 tiri in porta contro i 33 dei bielorussi; 4’ di penalità per la Bielorussia contro i 6’ di penalità dell’Italia. Gli avversari dell’Est poggiano soprattutto su due blocchi: Yunost Minsk e Dinamo Shinnik Bobruysk, compagini che partecipano alla MHL in Russia. Un aspetto, quello di conoscersi tra giocatori, che in un torneo così intenso e breve, può rivelarsi decisivo. E così è stato.

hockey_mondiali_u20_Italia_Bielorussia3
Italia – Bielorussia (foto Paolo Basso)

Primo tempo con Italia che soffre e che subisce due gol dalla Bielorussia: il primo per un errore di Ramoser, ne approfitta Novik, il secondo a firma di Ambrozheichik con una travolgente azione personale. Alla fine del parziale si scontrano in modo fortuito Paolo Morini e Joachim Ramoser: ha la peggio quest’ultimo che esce sanguinante dal ghiaccio. Per lui due punti al labbro per suturare la ferita. Più o meno sulla stessa linea l’inizio del secondo tempo: al 7’, su una sfortunata deviazione di Cordiano, arriva la rete di Buinitski (Artur) che vale il 3-0 in power play. Gli azzurri però non mollano e, nonostante la differenza in pista si veda tutta, arriva il gol di Ivan Tauferer che sfrutta il
traffico davanti al portiere.

Nel terzo tempo l’Italia alza la voce, complice un calo degli avversari, e al 10’ capitan Giovanni Morini capitalizza un errore di Novik ed insacca una rete che fa esultare il pubblico presente. Da qui i giochi si riaprono: il team azzurro, sotto di una rete (3-2), vede la possibilità del pareggio e ce la mette tutta per trovarlo. Ci prova ancora Morini (Giovanni), ma la porta della Bielorussia si chiude a saracinesca. Al 16’ Beber finisce in panca puniti per trattenuta e pochi secondi dopo l’Italia subisce la quarta rete che porta la firma di Logvinyuk, complice ancora una sfortunata deviazione di Costa. Poi tocca a Shantyka rimediate due minuti per bastone alto, ma la squadra di Kostner non riesce a concretizzare e la gara finisce sul 4-2. Premiati come best player capitan Giovanni Morini per l’Italia e Ambrozheichik per la Bielorussia.

La seconda giornata di gare si apre con un’altra notevole prestazione della Norvegia che, dopo aver battuto ieri l’Italia per 0-3, frulla l’Austria per 9-5 (3-2, 3-1, 3-2). E pensare che la prima rete l’ha trovata l’Austria dopo una manciata di minuti dall’inizio della gara con Huber; pronta reazione pochi secondi dopo del norvegese Soberg che porta la situazione in parità: 1-1. Mette di nuovo la testa avanti l’Austria al 7’ con Gaffal e di nuovo la Norvegia controbatte con un Soberg in grande spolvero: 2-2. Da qui in poi il team di coach Nilsen si mantiene sempre avanti, anche se gli avversari non mollano dimostrandosi all’altezza della situazione; i norvegesi chiudono così il tempo con un gol di Hoff. Lo stesso attaccante trova il bis all’inizio della seconda frazione per il 4-2; dopo la quinta rete norvegese a firma di Olsen, gli austriaci accorciano le distanze con Richter: 5-3. Alla fine del tempo la Norvegia trova il nuovo allungo sull’Austria con un gol di Norstebo: 6-3. Terza frazione ricca di reti, come la prima: inizia l’austriaco Winkler al primo minuto di gioco, seguono i norvegesi Norstebo e Henriksen, replica l’Austria con Gaffal e alla fine chiude un incisivo Norstebo che firma la rete del 9-5.

Alle 17 in pista Lettonia e Slovenia con i baltici che vincono per 7-3 (1-1, 3-2, 3-0)
grazie alla coesione di un gruppo affiatato che si conosce e gioca insieme da anni. Anche se, a dir il vero, la Slovenia è la nazionale che, da un Mondiale under 20 all’altro, è cambiata meno: 13 giocatori c’erano anche un anno fa e ben 18 erano presenti al Mondiale under 18 di Asiago, finito con la retrocessione.Nel primo tempo le due formazioni si equivalgono tanto da trovare una rete a testa: il primo a segnare è Balcers per la Lettonia – giocatore che si sta distinguendo nella Get Ligaen norvegese con gli Stavanger Oilers -, segue Jezovsek per la squadra avversaria. Nella frazione di gioco successiva è la Slovenia a trovare il sorpasso al 3’ con Maver, in forza ai Topeka Roadrunners in Usa, ma da questo momento la compagine baltica di mister Ankipans suona la carica e infila tre marcature con Cukste, Abols (top scorer dell’HK Riga) e Locans: 4-2. Prima del secondo intervallo un’indomita Slovenia si rifà sotto con Vincec (4-3), rendendo più interessanti gli ultimi 20’. Il terzo parziale è un monologo della Lettonia che insacca altri tre gol (Homjakovs, Jaks, già selezionato con la Nazionale senior per il Mondiale 2014, e Batna) sufficienti per vincere l’incontro con un netto 7-3.

RISULTATI SECONDA GIORNATA
Norvegia-Austria 9-5 (3-2, 3-1, 3-2)
Lettonia-Slovenia 7-3 (1-1, 3-2, 3-0 )
Bielorussia-Italia 4-2 (2-0, 1-1, 1-1)

RISULTATI PRIMA GIORNATA
Slovenia-Bielorussia 1-6 (0-3, 1-1, 0-2)
Austria-Lettonia 1-5 (1-1, 0-0, 0-4)
Italia-Norvegia 0-3 (0-1, 0-2, 0-0)

CLASSIFICA. Norvegia, Lettonia, Bielorussia 6, Italia, Slovenia e Austria 0.

Ti potrebbe interessare:

Venerdì 30 settembre trasferta difficile in Ungheria per la Migross Asiago

Redazione

Supercoppa ancora tabù per i Diavoli Vicenza battuti da Milano 6-4

Redazione

Diavoli “on fire”: sabato c’è Ferrara e domenica la Supercoppa con Milano

Redazione