La Tramarossa perde a testa altissima contro Cesena 71-75

BASKET – TRAMAROSSA VICENZA-AMADORI CESENA, 71-75

Diego Corral, centro della Pallacanestro Vicenza 2012 (classe 1986, 203 cm) ai nostri microfoni (in esclusiva VIDEO) legge la partita caratterizzata da una debacle iniziale e una continua rimonta per 3/4 del macht che ha visto Tramarossa dominare nell’intento di riprendersi dal primo parziale finito 10-33. Un passivo portato a -19 a metà partita, e a -3 nei minuti finali. Gli altri parziali: 2q 20-16, 3q 16-13, 4q 25-13.

 

Parziali: 10-33, 20-16 (30-49); 16-13 (46-62), 25-13
Vicenza: Montanari 12 (4/12, 3/7), Corral 27 (10/13, 5/6), Conte (0/5, 0/3), Campiello A. 12 (5/11, 0/3), Crosato 11 (3/10, 2/7); Rigon P. (0/4), Mezzalira (0/1), Campiello U. 4 (2/3, 0/1), Contrino 5 (2/5, 1/4); Rigon A., Kedzo e Meridio NE. All. Venezia
Cesena: Dagnello 13 (4/6, 3/5), Trapani 13 (4/6, 1/2), Papa 12 (6/13, 0/2), Raschi 5 (2/6, 1/3), Sacchettini 4 (2/4, 0/1); Ferraro 3 (1/2 da tre), De Fabritiis 6 (1/6, 0/1), Brkic 17 (5/11, 3/4); Rossi, Puntolini e Poggi NE. All. Di Lorenzo
Note. Vicenza: 26/64 al tiro, 11/32 da tre, 8/11 ai liberi. Rimbalzi 34 (Corral 9): 19 dif. + 15 off. Assist 16 (Crosato 5), palle rubate 5 (cinque giocatori), stoppate 2 (Campiello A. e Corral), palle perse 14 (Crosato 3). Falli 22, Contrino uscito per cinque falli
Cesena: 25/56 al tiro, 9/21 da tre, 16/19 ai liberi. Rimbalzi 35 (Papa 6): 22 dif. + 13 off. Assist 13 (Papa e Brkic 3), palle rubate 9 (Papa 3), stoppate 2 (Sacchettini e Brkic), palle perse 14 (Raschi 3). Falli 18

La Tramarossa Vicenza incassa la quinta sconfitta consecutiva nel match interno contro i Tigers Cesena, ma contro la seconda della classe i biancorossi sfornano una grandissima partita, soprattutto nel secondo tempo, tornando in scia dopo essere piombati a -28 nella prima metà, fino a soffiare sul collo dei romagnoli nel finale. 27 i punti di un maestoso Corral, trascinatore vicentino nel pomeriggio domenicale, ma vanno segnalate anche l’ottima prova di Contrino, Rigon e Mezzalira, che quando chiamati in campo nella sfida ai Tigers hanno risposto “presente”.

Le avvisaglie per una partita a senso totalmente unico sembrano materializzarsi tutte insieme ad inizio partita contro i Tigers: con Demartini e Quartieri costretti in tribuna a causa dei rispettivi problemi fisici, Vicenza sembra dover pagare eccessivamente lo scotto di due assenze così pesanti nel settore guardie. L’approccio dei cesenati in avvio è devastante, con un primo quarto da 33 punti e grandi prestazioni al tiro di Dagnello e Trapani. Due parziali in serie da 11-0 fanno sprofondare i biancorossi subito distantissimi nel punteggio, in una partita che inizialmente sembra ricalcare la sfida contro Cento dell’anno scorso, quando una Tramarossa con i cerotti perse sul parquet della capolista senza praticamente colpo ferire. In questa fase per la verità Vicenza in attacco cerca la via del canestro, ma la palla non ne vuole sapere di entrare, soprattutto da tre.

In avvio di secondo quarto Vicenza tocca il fondo: Cesena continua a segnare a raffica e arriva ad avere 28 punti di vantaggio dopo appena 1′ e 30” nella seconda frazione (40-12). Da questo momento in poi però, è Vicenza a condurre la sfida: i biancorossi iniziano a difendere duro e lottano su ogni pallone, soprattutto a rimbalzo, dove pur dovendo fare i conti con i tanti centimetri romagnoli, la Tramarossa strappa 15 carambole offensive nel corso della partita. Il risultato è che il parziale sorride ai biancorossi (20-16) e che Corral inizia a caricarsi la squadra sulle spalle, segnando tanti punti soprattutto da fuori e reggendo il peso dell’attacco. Cesena s’innervosisce, ma le continue proteste di Brkic non vengono mai sanzionate con un tecnico.

Nella ripresa è ancora Vicenza a dimostrare le proprie qualità: i biancorossi rimontano ancora punti e continuano a difendere duro. Anche Dagnello viene graziato dagli arbitri, quando subisce un furto di Contrino mentre lanciato in contropiede. Tutto il collettivo biancorosso si dimostra assolutamente in partita: Crosato, pur con qualche difficoltà al tiro, con un paio di scorribande centrali offre cioccolatini ad entrambi i fratelli Campiello, Corral continua a segnare con grandissima efficacia, Contrino porta e gestisce il pallone a lungo nel corso della sfida. Anche questo parziale viene vinto dalla Tramarossa, che ancora non rientra nel punteggio ma dimostra di avere voglia e cattiveria da vendere. 

Nell’ultimo quarto i biancorossi accarezzano pure l’idea di rimontare: Crosato da il via alla rimonta quando si sblocca al tiro, piazzando due bombe consecutive cui fanno eco un’altra tripla di Montanari e un canestro di Corral. Un’altra conclusione da dietro l’arco, questa volta di Contrino, mette la Tramarossa a soli due possessi dai Tigers (60-66), costretti a chiamare timeout. I romagnoli in attacco però ora sono praticamente paralizzati e non riescono quasi più a trovare la via del canestro. Montanari segna di nuovo da tre e un 2/2 di Crosato dalla lunetta riduce il distacco a sole tre lunghezze; Cesena trova comunque la giocata decisiva sul possesso seguente con una tripla di Brkic, ma Vicenza ci prova fino all’ultimo, chiudendo sotto di sole quattro lunghezze con un canestro del solito Corral.

Finisce 71-75 una partita che sembrava nata sotto i peggiori auspici, con il roster gravato di due infortuni in due posizioni chiave e con un primo quarto devastante da parte degli ospiti. Invece l’orgoglio vicentino è venuto fuori alla distanza, riportando la Tramarossa fino a sole quattro lunghezze e giocandosi alla pari il finale contro la quotata Cesena. Da qui bisogna ripartire: da quanto di buono fatto nella seconda metà di partita, con la convinzione che anche con assenze pesanti Vicenza non è inferiore a nessuno. Sin da San Vendemiano, deve iniziare la riscossa della Tramarossa.

Forza Vicenza!

Il coach Marco Venezia